Login con

Integratori alimentari

06 Marzo 2024

Prebiotici: l’integrazione migliora la funzione cerebrale negli over 60

 Un nuovo studio ha mostrato che l’integrazione di un prebiotico migliora le prestazioni nei test di memoria negli anziani over 60 in 12 settimane

di Paolo Levantino - Farmacista clinico


Prebiotici: l’integrazione migliora la funzione cerebrale negli over 60

Un nuovo studio, pubblicato su Nature Communications, ha mostrato che l’integrazione di un prebiotico migliora le prestazioni nei test di memoria negli anziani in sole 12 settimane.

Il microbioma intestinale con l’età è più vulnerabile a malattie, farmaci e stile di vita

Ricerche recenti indicano che il microbioma intestinale svolge un ruolo significativo nel mantenimento delle funzioni cognitive e fisiche durante il processo di invecchiamento. Con l'età, la resilienza del microbioma intestinale si riduce, poiché diventa più vulnerabile alle malattie, ai farmaci e ai cambiamenti dello stile di vita, con una mutata ricchezza di specie e una maggiore variabilità interindividuale. Un nuovo studio ha dimostrato che l’assunzione di un integratore prebiotico (inulina e frutto-oligosaccaridi) ha portato a modifiche nel microbioma intestinale e migliorato le capacità cognitive dei soggetti.

Chi ha assunto prebiotici ha mostrato migliori capacità cognitive

Lo studio randomizzato controllato con placebo ha coinvolto 36 coppie di gemelli, di età superiore ai 60 anni, che sono stati suddivisi in due blocchi: uno riceveva placebo e l’altro prebiotico ogni giorno per 12 giorni. Né il team di analisi, né i partecipanti sapevano cosa avevano ricevuto fino al completamento dell'analisi.

I ricercatori hanno monitorato i partecipanti da remoto tramite video, questionari online e test cognitivi. Inoltre, hanno impiegato servizi postali per distribuire l'intervento e raccogliere misure e campioni dai partecipanti. I risultati mostrano che il prebiotico era generalmente ben tollerato e determinava un cambiamento nel microbioma intestinale, in particolare un aumento dell’abbondanza relativa di Bifidobacterium. Anche se non è stata riscontrata alcuna differenza significativa nella forza muscolare tra i gruppi, il gruppo che ha ricevuto l'integratore prebiotico ha ottenuto risultati migliori nei test di valutazione della funzione cerebrale, in particolare nel test Paired Associates Learning, che è un indicatore precoce della malattia di Alzheimer, e nei test dei tempi di reazione e di elaborazione.

Microbiota: ruolo centrale nella comunicazione tra sistema nervoso ed enterico

Esistono prove crescenti a supporto dell'esistenza di un asse intestino-cervello, un sistema di comunicazione bidirezionale tra il sistema nervoso centrale e quello enterico, in cui il microbiota intestinale gioca un ruolo centrale e influente. In questo studio, è stata riportata una correlazione positiva tra l'aumento del punteggio del fattore cognitivo e l'abbondanza relativa di attinobatteri, che sono il phylum a cui appartengono i generi Bifidobacterium.

"Siamo entusiasti di vedere questi cambiamenti in sole 12 settimane. Ciò rappresenta un'enorme opportunità per migliorare la salute del cervello e la memoria nella popolazione che invecchia. Svelare i segreti dell'asse intestino-cervello potrebbe offrire nuovi approcci per vivere in modo più sano e più a lungo. Il prossimo compito è vedere se questi effetti sono sostenuti per periodi più lunghi e in gruppi più ampi di persone" concludono gli autori.


Fonte: https://www.nature.com/articles/s41467-024-46116-y#Sec10

TAG: DECLINO COGNITIVO, RICERCA, PREBIOTICI, SALUTE, INTEGRATORI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

08/04/2024

La combinazione di componenti biologicamente attivi del Ginkgo biloba porta ad un miglioramento del recupero cognitivo precoce in pazienti colpiti da ictus...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

04/04/2024

La neofobia alimentare, cioè il rifiuto di cibi nuovi e non conosciuti, non afferisce alla sfera ampia dei disturbi alimentari ma gli studiosi la definiscono...

A cura di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare

27/03/2024

Con l’aggiunta di acido folico al sale alimentare aumenta in modo significativo il livello sierico di folato, suggerendo una nuova strategia efficace nella prevenzione delle...

A cura di Redazione Farmacista33

26/03/2024

Un nuovo studio, pubblicato sul Journal of Hypertension, ha dimostrato che l’integrazione con coenzima Q10 migliora significativamente le prestazioni fisiche negli adulti affetti da...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

La gamma di solari firmati Lafarmacia.

La gamma di solari firmati Lafarmacia.

A cura di Lafarmacia.

Una ricerca americana ha analizzato gli effetti degli interventi con antidepressivi, con psicoterapia o con l’approccio combinato dei due trattamenti in pazienti con ansi a e depressione e...

A cura di Sabina Mastrangelo

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top