Login con

Europa

21 Marzo 2024

Tubercolosi, Ecdc: 7000 decessi in più in epoca Covid: interrotti diagnosi e sforzi terapeutici

Pubblicato il rapporto di sorveglianza e monitoraggio della tubercolosi dell’Ufficio regionale per l’Europa dell’OMS e dell'Ecdc pubblicato ogni anno in previsione della Giornata mondiale della tubercolosi, che si svolge il 24 marzo 2024


Tubercolosi, Ecdc: 7000 decessi in più in epoca Covid: interrotti diagnosi e sforzi terapeutici

Nei tre anni di pandemia in Europa si sono verificati 7.000 decessi da tubercolosi in più rispetto alle stime previste dall’andamento fino al 2020, complice l’interruzione delle diagnosi e degli sforzi terapeutici. Nel 2022 c’è stata una ripresa dell’attività diagnostica, ma è aumentata la resistenza ai farmaci e il tasso di successo dei trattamenti è tra i più bassi degli ultimi dieci anni, indice di scarsa aderenza terapeutica. È il quadro che emerge dall’ultimo rapporto sulla sorveglianza e il monitoraggio della tubercolosi dell’Ufficio regionale per l’Europa dell’OMS e del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) pubblicato ogni anno in previsione della Giornata mondiale della tubercolosi, che si svolge il 24 marzo 2024.

Decessi per tubercolosi prevenibili
Il rapporto evidenzia i dati più recenti, che mostrano la regione europea in ripresa ma che sta ancora sperimentando l’impatto della pandemia di COVID-19 sui test, sulla diagnosi e sulla cura della tubercolosi. Secondo i dati, quasi 7.000 decessi in più per tubercolosi si sono verificati nella Regione europea dell’OMS nei tre anni della pandemia dal 2020 al 2022, rispetto a quanto gli esperti si aspettavano sulla base delle stime pre-2020. Questo aumento della mortalità è stato un risultato diretto della pandemia e non si sarebbe verificato se la diagnosi e gli sforzi terapeutici della tubercolosi non fossero stati interrotti durante la pandemia.
Tuttavia, i dati riportati mostrano un aumento del numero di diagnosi rispetto all’anno precedente: nel 2022, 38 dei 53 Stati membri dell’OMS/Europa hanno segnalato un aumento delle notifiche di tubercolosi. Il numero totale complessivo ha raggiunto più di 170.000 casi (da oltre 166.000 casi nel 2021), di cui oltre 36.000 casi sono stati segnalati nell'UE/SEE (da oltre 33.500 nel 2021).

È probabile che questi numeri in aumento siano un’indicazione positiva del fatto che, in molti paesi, i servizi per la tubercolosi si stanno ora riprendendo dalle interruzioni della pandemia di COVID-19 e che sempre più persone vengono diagnosticate e curate. È probabile che ciò rifletta anche il recupero da parte della Regione di diagnosi ritardate a causa di interruzioni legate alla pandemia.

“Una situazione straziante e del tutto prevenibile: le persone affette da tubercolosi non sono state protette durante la pandemia e 7.000 hanno perso la vita inutilmente a causa dell’interruzione dei servizi per la tubercolosi - ha affermato Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell’OMS/Europa. - Il rapporto rivela anche un’altra tragedia in evoluzione e prevenibile: la prevalenza della tubercolosi resistente ai farmaci continua ad aumentare. Esortiamo le autorità nazionali a rafforzare i programmi di test per la tubercolosi, a diagnosticare tempestivamente e ad applicare le più recenti linee guida dell’OMS”.

Resistenza ai farmaci e bassi tassi di successo del trattamento
È preoccupante che in media solo 6 trattamenti su 10 per la tubercolosi, che utilizzano farmaci di prima linea, abbiano avuto successo nel curare l’infezione nei paesi dell’UE/SEE, mentre complessivamente nella regione europea 7 trattamenti su 10 per la tubercolosi hanno curato l’infezione dei pazienti. Si tratta dei tassi più bassi degli ultimi dieci anni, che indicano possibili problemi con la compliance al trattamento e probabili lacune nel monitoraggio dei risultati del trattamento. Se adeguatamente pianificato ed eseguito, il trattamento della tubercolosi dovrebbe avere successo in circa 9 pazienti su 10 infetti da ceppi che rispondono agli antibiotici rifampicina e isoniazide.
Oms ed Ecdc raccomandano di intensificare gli sforzi per individuare e trattare attivamente i casi, di rafforzare le strategie di testing per la tubercolosi e rendendo disponibili opzioni di trattamento preventivo a tutti coloro che ne hanno bisogno. Infine, la piena implementazione di regimi di trattamento aggiornati, brevi e completamente orali.

Prevalenza dell’HIV nei casi di tubercolosi
Preoccupanti anche i segnali di gestione della co-infezione da TBC e HIV non ottimale: solo il 48% dei pazienti affetti sia da tubercolosi che da HIV nella regione europea dell’OMS e il 54% nell’UE/SEE che hanno iniziato il trattamento per la tubercolosi nel 2021 sono guariti.
Inoltre, sono necessari sforzi continui per migliorare la segnalazione della co-infezione da HIV. Nel 2022, la prevalenza dell’HIV nei casi incidenti di tubercolosi era stimata al 12%, con circa 28.000 casi di co-infezione nella regione. Nell’UE/SEE si sono verificati 13.436 casi di tubercolosi con stato noto di HIV, quasi il 4% dei quali sono stati segnalati come positivi all’HIV. I dati disponibili mostrano che una persona su cinque con co-infezione da HIV/TBC nella regione europea non riceveva affatto la terapia antiretrovirale (ART). Tuttavia, il quadro è lungi dall’essere completo; solo 20 paesi hanno fornito informazioni sull’adozione della terapia antiretrovirale per l’HIV tra i pazienti affetti da tubercolosi e solo tre di questi erano nell’UE/SEE.

Misure per porre fine alla tubercolosi
Monitorare i progressi verso gli obiettivi del nuovo piano d’azione sulla tubercolosi 2023-2030 è impegnativo a causa della limitata o nessuna segnalazione su alcuni indicatori: solo 20 dei 30 indicatori descritti nel piano d'azione sono stati monitorati e valutati utilizzando i dati di sorveglianza di routine. Esiste una chiara necessità che tutti i paesi della regione, compresi quelli dell’UE/SEE, si concentrino sul miglioramento dei dati, rendendoli più rappresentativi e completi e utilizzando fonti diverse per integrare le informazioni di sorveglianza esistenti.

TAG: ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITà, ANTIBIOTICI, EUROPEAN CENTRE FOR DISEASE PREVENTION AND CONTROL (ECDC), INFEZIONI DA HIV

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

13/05/2024

Nathalie Moll, direttore generale di EFPIA, ha pubblicato un articolo in cui evidenzia i rischi legati all'attuazione del nuovo Regolamento europeo sull'Health Technology Assessment (HTA)

A cura di Cristoforo Zervos

10/05/2024

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) ha completato un’analisi completa del Programma Esteso di Immunizzazione (EPI) che opera ormai da 50 anni. I dati dello studio sono stati pubblicati su...

A cura di Cristoforo Zervos

10/05/2024

Raccolti 40.000 mila euro grazie l’evento tenutosi il 7 maggio al Teatro Mostra d'Oltremare - Napoli dedicato alla memoria della professoressa Gabriella Fabbrocini, docente di dermatologia e...

A cura di Redazione Farmacista33

09/05/2024

Il Parlamento europeo ha adottato una serie di misure, proposte dalla Commissione nel gennaio 2024, finalizzate a migliorare la disponibilità di strumenti diagnostici in vitro 

A cura di Cristoforo Zervos

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

È arrivata la nuova gamma Pesoforma Extra Protein

È arrivata la nuova gamma Pesoforma Extra Protein


L'Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) ha completato un’analisi completa del Programma Esteso di Immunizzazione (EPI) che opera ormai da 50 anni. I dati dello studio sono stati pubblicati su...

A cura di Cristoforo Zervos

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top