Login con

Politica e Sanità

28 Gennaio 2016

Regione Lombardia su concorso: controlli rigorosi a tutela dei candidati


Non si è fatta attendere la risposta ufficiale della Regione Lombardia in merito ai tempi di espletamento del concorso straordinario, sollecitata dal dibattito innescato da un articolo di denuncia comparso sul Corriere della Sera e alimentato dalle dichiarazioni dei vertici di Federfarma e Fofi raccolte da Farmacista33. «Gli uffici competenti - ha risposto, a Farmacista33, Walter Bergamaschi, Direttore generale della Sanità della Regione Lombardia - hanno lavorato a pieno ritmo al fine di controllare le autocertificazioni di 5.500 candidati. L'attività onerosa, che ha impegnato gli uffici regionali, è stata a garanzia e tutela di tutti i candidati al fine di garantire correttezza nell'elaborazione della graduatoria».

Tra le polemiche sollevate, sono state messe in evidenza le difficoltà burocratiche, dell'ufficio preposto della Regione Lombardia. È davvero così?
Gli uffici competenti hanno lavorato a pieno ritmo al fine di controllare le autocertificazioni di 5.500 candidati. I controlli sono stati relativi alla verifica dei titoli di studio (master, borse di studio, pubblicazioni) e alla verifica delle dichiarazioni quali: idoneità in un precedente concorso, voto di laurea, seconde lauree. A garanzia dei candidati che avevano prodotto la documentazione corretta, si è proceduto a controllare accuratamente le autocertificazioni. L'attività onerosa che ha impegnato gli uffici regionali, è stata a garanzia e tutela di tutti i candidati al fine di garantire correttezza nell'elaborazione della graduatoria.

Si è persino ipotizzata una certa "gioia" della lobby dei farmacisti circa il fatto che la Regione Lombardia, appunto, abbia qualche difficoltà nel vaglio di tutte le domande...
Vorrei far presente, innanzitutto, che il contenuto della legge prevedeva il concorso straordinario con una valutazione solo per titoli, senza quindi la consueta "selezione" data dalla prova pratica. Poi la difficoltà di applicazione concreta del Dpcm che stabilisce i punteggi. E, infine, i tempi non brevi nella predisposizione della piattaforma ministeriale. Queste cose non sono certo da imputarsi a qualsivoglia pressione sulla Regione e tengo a precisare, inoltre, che le altre regioni che hanno pubblicato la graduatoria prima della regione Lombardia, avevano un numero di candidati nettamente inferiore e che nessuna, comunque, è uscita prima del 2015. I ricorsi poi arrivati hanno impedito che si potesse procedere all'interpello sulle preferenze e quindi all'assegnazione. A seguito delle recenti sentenze (pubblicate a metà gennaio), si provvederà a rettificare la graduatoria per i due casi previsti dal giudice. Si potrà poi procedere all'interpello e all'assegnazione.

I numeri dicono che in provincia di Bergamo c'è un elevato numero di comuni senza farmacia. È davvero così?
È necessario fare le seguenti precisazioni: dal 1991 è necessario istituire la sede farmaceutica anche per poter istituire un dispensario. Tali sedi devono, per correttezza formale, essere messe a concorso, anche se la scarsità degli abitanti (spesso meno di 500, come quelle indicate) non rende economicamente sostenibile la presenza della farmacia vera e propria. Tutte le sedi uniche della provincia di Bergamo erano già state messe a concorso nel 2007 e non accettate da nessun concorrente. Anche la maggior parte delle sedi uniche delle altre provincie, era stata messa a concorso negli anni precedenti e poi assegnate ma rifiutate subito o mai aperte o, addirittura, aperte e poi abbandonate. Per correttezza formale sono state messe a concorso, in quanto sedi vacanti di titolare, anche se la scarsità di abitanti e/o la presenza di farmacie nei comuni vicini non le rende economicamente appetibili e spesso non sostenibili, come dimostra la mancata accettazione o l'abbandono. Ma l'assistenza farmaceutica in questi comuni, è garantita dalla presenza di dispensari, ove il comune li abbia richiesti.

Rossella Gemma

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Il siero viso levigante depigmentante dalla texture morbida e setosa

Il siero viso levigante depigmentante dalla texture morbida e setosa


Una recente indagine ha focalizzato l’attenzione sugli effetti della carenza di sonno nelle donne con diversi fattori di rischio, caratteristiche di salute...

 
chiudi

©2023 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top