Login con

Politica e Sanità

13 Febbraio 2016

Privacy, ok Garante a nuovo sistema informativo. L’esperto: ecco come funziona


Il 4 febbraio il Garante privacy ha dato l'ok al l'istituzione del sistema informativo per il Monitoraggio della Rete di Assistenza, nell'ambito del Nuovo Sistema Informativo Sanitario. Monica Gobbato, avvocato esperto in privacy spiega come funzionerà. È di pochi giorni fa e precisamente del 4 Febbraio u.s. il parziale Parere favorevole [doc. web n. 4630606] del Garante privacy ad uno schema di decreto del ministero della Salute che riguarda l'istituzione del sistema informativo per il Monitoraggio della Rete di Assistenza (Mra), nell'ambito del Nuovo Sistema Informativo Sanitario (Nsis). Parziale perché condizionato ad alcune modifiche e integrazioni. Il sistema Mra ha l'obiettivo di favorire la razionalizzazione della spesa e di informare i cittadini sulla rete di assistenza sanitaria nel nostro paese. Il Mra opererà istituendo un'unica anagrafe di riferimento di tutte le strutture della rete sanitaria (ASL, strutture di ricovero autorizzate, strutture territoriali accreditate, farmacie pubbliche e private convenzionate, medici e pediatri di libera scelta convenzionati con il Sistema sanitario nazionale). Come è comprensibile il Ssn ha oggi di fronte una sfida "imponente" per conciliare il mantenimento dei risultati fin qui raggiunti con le esigenze di razionalizzazione della spesa pubblica. Inoltre è necessario dare impulso all'informatizzazione dei processi di assistenza, allo sviluppo e alla diffusione della sanità elettronica in modo che la sanità in rete diventi una componente strutturale del Ssn. Il Mra si inserisce i quest'ottica di digitalizzazione volendo consentire la consultazione delle informazioni, in forma analitica e aggregata alle Istituzioni competenti come Regioni e Province, al ministero della Salute e a quello dell'Economia e delle Finanze ma anche ai soggetti appositamente autorizzati.

Esaminato lo schema, il Garante ha però segnalato l'esigenza di apportare alcune precise modifiche e integrazioni per conformare lo schema alle garanzie in materia di protezione dei dati personali. L'Autorità ha chiesto, tra l'altro, di precisare quali dati personali saranno resi disponibili sul sito del Ministero, nel rispetto dei principi di pertinenza e non eccedenza. Si ricorda che sono pertinenti solo quei dati che siano necessari alla finalità perseguita. Infatti, ad esempio potrebbe non essere giustificata la pubblicazione on line del codice fiscale del medico, perché non necessario alle finalità informative del Mra. Inoltre il codice fiscale nonostante sia un semplice dato comune può rendere più agevole il concretizzarsi del reato di furto d'identità. Il Garante ha chiesto anche di chiarire i ruoli e le responsabilità delle Regioni e Province autonome, da un lato, e del ministero della Salute, dall'altro, rispetto al flusso delle informazioni che riguardano i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta; di indicare i tempi di conservazione dei dati personali, trascorsi i quali i dati devono essere cancellati o resi anonimi in modo irreversibile; di individuare le informazioni contenute nei file di log con cui si registrano gli accessi; di precisarne i tempi di conservazione e di proteggerli con idonee misure contro ogni uso impropri. La trasmissione telematica dei dati al sistema avviene secondo le modalità e le procedure indicate nel disciplinare tecnico e comunque in conformità alle regole tecniche del Sistema pubblico di connettività ("Spc") previsto nel Codice dell'amministrazione digitale, in particolare attraverso l'utilizzo di un protocollo sicuro e dell'autenticazione bilaterale fra sistemi. La riservatezza dei dati ai sensi del Codice sarà garantita dalle procedure di sicurezza relative al software ed ai servizi telematici, in conformità alle regole tecniche del Codice dell'Amministrazione Digitale.

Avv. Monica Gobbato
Docente e consulente di privacy e diritto dell'informatica

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Autunno in salute

Autunno in salute

A cura di Metagenics

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) ha completato un’analisi completa del Programma Esteso di Immunizzazione (EPI) che opera ormai da 50 anni. I dati dello studio sono stati pubblicati su...

A cura di Cristoforo Zervos

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top