Login con

Politica e Sanità

31 Maggio 2016

Proprietà parafarmacie. Leopardi (Utifar): rischio di distorsioni del mercato


L'apertura di parafarmacie da parte di farmacisti titolari di farmacia rappresenta un elemento distorsivo del mercato e contribuisce a creare confusione e a generare sospetti. Bisogna partire dalla trasparenza. Così Eugenio Leopardi presidente Utifar interviene sul tema della proprietà delle parafarmacie sollevato dalla Presidente della Commissione Sanità del Senato, Emilia De Biasi, in occasione dell'Assemblea generale di Federfarma. «Sono pienamente d'accordo quanto affermato in quella occasione da De Biasi e sono da tempo convinto» dice Leopardi a Farmacista33 «che ci sia necessità di fare chiarezza sulle proprietà delle parafarmacie, molte delle quali sono di proprietà di farmacisti titolari di farmacia».

E aggiunge: «Come ho già avuto modo di affermare in precedenti dichiarazioni, sono convinto che una soluzione per risolvere definitivamente quello che il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, riferendosi alla questione delle parafarmacie, definisce "un'anomalia italiana" sarebbe facilmente raggiungibile se si iniziasse dal distinguere le parafarmacie di proprietà di farmacisti non titolari di farmacia da quelle che invece sono di competenza dei titolari di farmacia». Secondo Leopardi si aggiunge un ulteriore problema di «evidente conflitto di interessi che si manifesta quando qualcuno di questi colleghi "bifronte" ha anche responsabilità sindacali: in questi casi, la trasparenza sarebbe eticamente d'obbligo».

«Mi chiedo» afferma il presidente Utifar «come facciano costoro a dichiararsi strenui difensori della fascia C in farmacia, quando sarebbero i primi a trarre un beneficio dalla possibilità di vendita di questi medicinali da parte delle loro parafarmacie». Per fare chiarezza e trovare soluzioni, dice Leopardi «occorre partire dalla trasparenza. In tale direzione, la prima operazione che andrebbe fatta è una scrematura delle parafarmacie di competenza di farmacisti titolari di farmacia da quelle di proprietà di colleghi non titolari. Operando questa distinzione, il numero delle parafarmacie "reali" si ridurrebbe di molto e sarebbe più agevole trovare una soluzione che ponga fine all'anomalia italiana».


Simona Zazzetta

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Intelligenza Artificiale per supportare i professionisti sanitari

Intelligenza Artificiale per supportare i professionisti sanitari

A cura di CGM Compugroup

Sono state elette le nuove Cariche Societarie di AFI (Associazione Farmaceutici Industria) per il triennio 2024-2027. Giorgio Bruno riconfermato alla guida dell’associazione 

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top