Login con

Politica e Sanità

15 Novembre 2011

L’ONAOSI torni alle origini


Alcuni sindacati medici scrivono a Governo e Parlamento chiedendo che l’Opera ritorni a essere un ente morale


Nel documento le organizzazioni sostengono che ''''si tratta di riportare l''ONAOSI, dopo una politica della recente gestione orientata verso una estensione della contribuzione obbligatoria insieme ad una impropria diversificazione delle attività, al suo proprio ruolo di assistenza agli orfani''''. Questo si può realizzare- proseguono i sindacati nella lettera- ''''con la solidarietà dei contributi volontari, che già vedono interessati circa 17.000 sanitari, ed ai quali si potrà aggiungere una parte rilevante degli attuali oltre 100.000 contribuenti obbligatori''''. Secondo i sindacati è necessario ''''porre fine alla obbligatorietà dei contributi che, come ha già indicato la Corte dei Conti, ha portato nel passato ad un eccesso di risorse finanziarie, e che contrasta con il principio della volontarietà in ambito assistenziale''''. Insomma deve essere chiusa una fase storica- concludono i sindacati nella lettera- che ''''ha visto l''ONAOSI accomunata nella Legge 509 del 1994 come Fondazione privata al pari degli enti previdenziali, pur non essendolo, e che oggi rischia di vedere la sua sostanziale scomparsa all''interno di qualche grande ente previdenziale, quale l''INPDAP, l''ENPAM o la stessa INPS, con il paradosso della obbligatorietà dei contributi''''. Si tratta anche ''''di avere una gestione trasparente e democratica, dove solo chi contribuisce deve amministrare l''Ente''''. Le organizzazioni sindacali, che rappresentano gli attuali contribuenti obbligatori, chiedono in sostanza ''''di mettere in atto tutte le necessarie modifiche legislative e procedurali, a partire dalla prossima finanziaria 2008, per consentire un rinnovo, gestionale giuridico dell''Onaosi, che la riportino alle origini istitutive''''. La lettera è firmata da Raffaele Perrone Donnorso dell'' ANPO, Armando Masucci della Federazione Medici aderente UIL Fpl; Carmine Gigli della FESMED , Massimo Cozza della FP- CGIL Medici e Vincenzo Carpino dell'' UMSPED. stato in cui versano", assicura. E a sostegno di ciò riporta l''esempio

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Potenziare le Farmacie di Prossimità - SempliFarma

Potenziare le Farmacie di Prossimità - SempliFarma

A cura di Remedio

Il progetto “Menopausa, la guida” è stato presentato oggi a Roma: la Guida sarà divulgata attraverso la rete delle 19mila farmacie e con una locandina corredata di QR code si potrà...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top