Login con

Politica e Sanità

29 Novembre 2017

Farmaci falsi o scadenti, Oms: 1 su 10 nei Paesi in via di sviluppo


Un farmaco su 10 in circolazione nei Paesi in via di sviluppo è al di sotto degli standard di qualità o è contraffatto, con gravi rischi per la salute pubblica. Lo afferma l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nel primo rapporto sul fenomeno pubblicato con stime fatte sulla base di oltre 1.500 segnalazioni arrivate al Global Surveillance and Monitoring System dell'organizzazione dal 2013 e di circa 100 studi su un totale di 48mila campioni. Il risultato è che nel 10,5% dei casi i farmaci sono inefficaci, o perché prodotti o distribuiti senza seguire le norme che garantiscono la qualità o perché falsificati deliberatamente. Il fenomeno riguarda soprattutto i farmaci antimalarici e gli antibiotici che nel complesso rappresentano il 64,5% del totale dei farmaci contraffatti. Il 42% delle segnalazioni viene dall'Africa subsahariana. «Molti di questi prodotti, come gli antibiotici, sono vitali per la sopravvivenza e il benessere - afferma Mariangela Simao dell'Oms -. Medicine scadenti o falsificate non solo hanno un impatto sui pazienti e le loro famiglie, ma aumentano anche la comparsa di batteri resistenti».

Sulla base delle cifre, l'università di Edimburgo ha stimato che tra i 72mila e i 169mila bambini muoiono ogni anno per una polmonite curata con terapie che ricadono in queste categorie, mentre secondo la London School of Hygiene tra le 64mila e le 158mila morti per malaria sarebbero evitabili. I farmaci falsi tendono a concentrarsi nelle zone in cui regolamentazione e governance inadeguate sono aggravate da pratiche non etiche da parte di grossisti, distributori, dettaglianti e operatori sanitari e infatti, un'elevata percentuale di casi segnalati all'Oms si verificano in paesi con accesso limitato a prodotti medici. Anche laddove son diffusi modelli di acquisto via internet attraverso farmacie online, prodotti contraffatti o scadenti possono facilmente eludere la supervisione regolamentare. E questo, peraltro, si verifica nei paesi ad alto reddito, ma sono necessarie ulteriori ricerche per determinare la proporzione e l'impatto delle vendite di prodotti medici scadenti o contraffatti.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Un valido aiuto contro il mal di gola

Un valido aiuto contro il mal di gola


Sono state aggiornate le tabelle delle sostanze stupefacenti e psicotrope con l’inserimento della sostanza xilazina potente farmaco sedativo, miorilassante,...

A cura di Simona Zazzetta

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top