Login con

Politica e Sanità

20 Marzo 2018

Dormire poco fa male alla salute: impatto maggiore su ipertensione, obesità e diabete


L'insonnia e alterazione dei ritmi circadiani determinano effetti a cascata su diversi organi, con potenziali implicazioni negative su alcune malattie croniche comuni: circa 4 pazienti diabetici su 51 e 2 pazienti ipertesi su 52 presentano sintomi di insonnia. È quanto emerge da alcuni recenti studi che hanno dimostrato la stretta correlazione tra disturbi del sonno e patologie del sistema cardio-metabolico quali l'ipertensione arteriosa e il diabete di tipo 2 ed è quanto mettono in evidenza gli organizzatori della seconda edizione del progetto Sonno & Salute, quest'anno incentrata sulle comorbidità cardio-metaboliche dell'insonnia, realizzata grazie al contributo di Fidia Farmaceutici. Secondo gli studi, riporta la nota, il diabete rappresenta una delle maggiori comorbidità nei pazienti insonni e le persone affette da disturbi del sonno hanno un rischio di ipertensione arteriosa più alto del 300-500% rispetto a soggetti non insonni (indipendentemente da età, indice di massa corporea, diabete, consumo di alcool e fumo).

Una conferma, secondo Lino Nobili, Responsabile del Progetto Sonno&Salute, Segretario della European Sleep and Research Society e Responsabile del Centro di Medicina del Sonno dell'Ospedale Niguarda di Milano «dell'importante ruolo svolto dal sonno nel mantenimento di una corretta salute psico-fisica: ogni alterazione del cosiddetto orologio biologico interno, infatti, si ripercuote anche su altre funzioni fisiologiche fondamentali come i livelli ormonali, la temperatura corporea, la pressione arteriosa, il tono dell'umore e il metabolismo energetico» Sul fronte del trattamento, il primo passo di tipo comportamentale, spiega Nobili e «mira a correggere abitudini, aspettative e condotte che possono causare o perpetuare il disturbo. Come trattamento farmacologico si utilizzano frequentemente i sedativo-ipnotici a emivita breve e la melatonina 2 mg a rilascio prolungato.

Per i primi è consigliato l'utilizzo per brevi periodi, non oltre le quattro settimane, perché tendono a perdere la loro efficacia se assunti sistematicamente ogni notte per lungo tempo; inoltre l'assunzione cronica può avere effetti negativi sulla struttura del sonno stesso nonché sui livelli di vigilanza diurna e su alcune funzioni cognitive come memoria e attenzione. La somministrazione di melatonina a rilascio prolungato 2mg è consigliata come prima intenzione in soggetti insonni che hanno superato i 55 anni. Studi clinici hanno dimostrato che questa formulazione, risincronizzando il ritmo circadiano sonno-veglia, riduce significativamente il tempo di addormentamento e migliora sia la qualità del sonno sia le performance diurne». Il progetto Sonno & Salute punta a sensibilizzare sull'importanza di non sottovalutare i disturbi del sonno e favorire un corretto e tempestivo riconoscimento dei pazienti con questa tipologia di disturbi e l'adozione di un approccio diagnostico terapeutico adeguato. Il progetto verrà realizzato sotto l'egida della World Sleep Society e con il supporto di Aims, Sin, Siia, Simi e Amd.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Con “Battiti Per Il Cuore”, consigli preziosi per fare prevenzione

Con “Battiti Per Il Cuore”, consigli preziosi per fare prevenzione

A cura di Viatris

Nelle Marche la sperimentazione della Farmacia dei Servizi prorogata per tutto l’anno. Sulle prestazioni cardiologiche Federfarma Ascoli: limitate liste...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top