Login con

Farmaci e dintorni

15 Febbraio 2018

Probiotici in gravidanza associati a un rischio ridotto di preeclampsia e parti prematuri


Secondo uno studio pubblicato su BMJ Open e firmato dai ricercatori svedesi del Sahlgrenska University Hospital di Gothenburg, il consumo di probiotici in gravidanza si associa a una riduzione dell'incidenza di preeclampsia e parto pretermine. «L'aumento della risposta infiammatoria sembra giocare un ruolo più importante in entrambe le patologie» esordisce la prima autrice Mahsa Nordqvist del Dipartimento di ostetricia e ginecologia al Sahlgrenska, aggiungendo che diversi studi suggeriscono un'influenza della dieta materna sull'esito della gravidanza. «Per esempio, un modello alimentare caratterizzato da un'elevata assunzione di verdure, frutta e oli vegetali, si associa a un ridotto rischio di preeclampsia e parto prematuro» scrivono i ricercatori, precisando che i probiotici hanno un dimostrato effetto antinfiammatorio a livello delle cellule del trofoblasto umano placentare. Per indagare se l'assunzione di latte probiotico in gestazione fosse in grado di modificare la prevalenza di preeclampsia e parto prematuro, i ricercatori svedesi hanno analizzato i dati di 70.149 parti singoli avvenuti nel periodo 1999-2008 e inclusi nel Norwegian Mother and Child Cohort Study. Così facendo hanno scoperto che l'assunzione di probiotico in tarda gravidanza risulta significativamente associata a un rischio inferiore di parto prematuro e preeclampsia. Per giungere a queste conclusioni gli autori hanno chiesto alle gestanti notizie su dieta, stile di vita e stato di salute a 15, 22 e 30 settimane di gravidanza. A 15 e 30 settimane sono state chieste informazioni anche sull'assunzione di prodotti probiotici a base di Lactobacillus. «Questo studio, di tipo osservazionale, non consente di stabilire un rapporto causa effetto tra Lactobacillus, preeclampsia e parto pretermine» riprende Nordqvist, sottolineando la necessità di futuri trial randomizzati e controllati sull'argomento. «Se questi studi supporteranno l'effetto protettivo del consumo di probiotici sul rischio di preeclampsia e parto prematuro, sarà possibile adottare specifiche strategie di salute pubblica mirate a prevenire gli esiti negativi della gravidanza» concludono i ricercatori.

BMJ Open 2018;8:e018021. doi: 10.1136/bmjopen-2017-018021

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Per una protezione completa e un’abbronzatura perfetta.

Per una protezione completa e un’abbronzatura perfetta.

A cura di Viatris

F33 speciale Cosmofarma: Intervista a Alessio Romitelli, Deputy Ceo di Named Group

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top