Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Mozione bipartisan sul diabete


"Sono 3 milioni gli italiani colpiti da diabete, eppure l''accesso alle cure e alle prestazioni sanitarie non viene offerto in maniera omogenea e senza un''adeguata informazione. E'' necessaria, invece, un''efficace azione preventiva". Lo dichiarano i senatori Emanuela Baio, Antonio Tomassini, Daniele Bosone, Fiorenza Bassoli, Claudio Gustavino, Raffaele Calabrò, Fabio Rizzi, Giuseppe Astore che hanno presentato una mozione bipartisan sul diabete. "Crediamo sia doveroso garantire il diritto delle persone con diabete a vivere una vita sociale, educativa, lavorativa alla pari delle persone sane. A oggi, diverse prestazioni per la cura e la prevenzione delle complicanze di questa patologia non sono incluse nei Livelli essenziali di assistenza (Lea). L''obiettivo della mozione, che inizialmente era stata presentata come interrogazione - si legge - è quello di inserire nella prossima revisione dei Lea la gratuità per gli esami clinici di cui necessitano i malati diabetici. Un importante segnale di speranza che consentirà una diagnosi precoce delle complicanze di questa patologia, come per esempio la retinopatia proliferativa, responsabile di emorragie del vitro e di distacchi di retina". "Il numero crescente di pazienti diabetici - ricordano i senatori firmatari della mozione - dimostrano che siamo di fronte a una vera e propria malattia sociale, che rappresenta anche la prima causa di cecità acquisita e una delle principali cause di insufficienza renale con necessità di dialisi o trapianto.  indispensabile quindi un approccio alla cura precoce e appropriato, agendo fin dall''infanzia proprio per evitare complicanze e invalidità". "Chiediamo - concludono i senatori - una più equa distribuzione dell''accesso alle cure sul territorio nazionale e la gratuità, tramite l''inserimento nei Lea, degli esami ematochimici, strumentali, dell''educazione terapeutica e di tutte le prestazioni connesse alla gestione del diabete e delle relative complicanze. I diritti dei diabetici sono gli stessi diritti umani e sociali che l''Italia si impegna a difendere in tutto il mondo".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Dalla natura, un aiuto efficace contro l’intestino pigro

Dalla natura, un aiuto efficace contro l’intestino pigro


Il ministero della Salute ha trasmesso un’allerta di grado 3 chiedendo di potenziare la vigilanza su eventuali furti di farmaci contenti fentanil e suoi...

A cura di Simona Zazzetta

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top