Login con

Nutrizione

18 Marzo 2015

Costipazione cronica: anche la dieta deve essere personalizzata


La costipazione intestinale cronica è un disturbo molto comune nella popolazione e interessa in particolare alcune categorie: anziani, donne in gravidanza, ma anche bambini. Nei casi in cui questa non sia conseguenza di altre patologie gastro-intestinali o extra-intestinali si parla di stipsi idiopatica (o costipazione funzionale). Sembra coinvolga dal 15 al 20% della popolazione, ma la diagnosi (che deve sempre essere effettuata da personale sanitario competente) è spesso complicata dal fatto che la stipsi si presenta in modi diversi: da un transito intestinale rallentato, o normale ma in associazione o meno con la sindrome dell'intestino irritabile (Ibs), oppure può essere dovuta a ostruzione o a dissinergie della muscolatura pelvica. Inoltre molti pazienti, quando si rivolgono allo specialista hanno già intrapreso autonomamente diversi tentativi sia sulla base di consigli ricevuti o convincimenti personali, che possono aver peggiorato la situazione. Escluse dunque altre patologie, nei casi di stipsi idiopatica semplice uno dei primi trattamenti consiste nell'impostare un corretto stile di vita e un'alimentazione che faciliti il recupero della normale funzionalità dell'intestino; il consiglio di seguire una dieta di tipo mediterraneo, varia ed equilibrata ricca di liquidi, vegetali, frutta e povera di grassi saturi, è sempre valido purché rispetti le esigenze personali del malato. Movimento, contenuto di fibre e liquidi della dieta e integrazione di probiotici sono i principali rimedi consigliati, per i quali tuttavia in base all'evidenza scientifica bisogna fare delle precisazioni.
Movimento: c'è una limitata evidenza scientifica che l'attività fisica moderata giovi alla stipsi cronica. È vero però che la sedentarietà rallenta la funzione intestinale e quindi risulta indicato in caso di stipsi camminare o comunque svolgere un'attività fisica non stancante.
Liquidi: nei soggetti sani la riduzione dell'assunzione di liquidi rallenta la funzione intestinale, ma non è provato che l'aumento la faciliti. Il consiglio è quello di mantenere una buona idratazione senza aumentare il carico idrico, soprattutto negli anziani.
Fibre: l'assunzione quotidiana di 15-30g di fibre, raccomandata per la popolazione adulta, non sempre può essere ben tollerata da chi soffre di stipsi, soprattutto in concomitanza di altre condizioni (Ibs, gonfiore intestinale). Importante è dunque individuare la giusta quantità e la tipologia (solubili o insolubili). Probiotici: la loro efficacia nella stipsi dipende fortemente dal ceppo. Lactobacillus casei Shirota, Lactobacillus casei rhamnosus Lcr35, Lactobacillus reuteri (DSM 179389) si sono rivelati efficaci (in particolare nei bambini).

Francesca De Vecchi - esperta in scienze dell'alimentazione

Cottone C. et al. La stipsi cronica. Trattamento. Rivista della Società Italiana di Medicina Generale. 2012 1: 82-87

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Stress da rientro? I consigli per una ripartenza

Stress da rientro? I consigli per una ripartenza


Ben note sono poi le attività dei polifenoli nella prevenzione di malattie cardiache, diabete e cancro, nonché le proprietà antibatteriche

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top