Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Sacconi ad Aifa, Ru486 solo con ricovero


"Sulla base dei pareri del Consiglio superiore di Sanità, la specialità Mifegyne, nota anche come pillola Ru486, può essere utilizzata per uso abortivo, in compatibilità con la legge 194, solo se l''intera procedura abortiva, e fino all''accertamento dell''avvenuta espulsione dell''embrione, sia effettuata in regime di ricovero ordinario nelle strutture sanitarie indicate dall''articolo 8 della suddetta legge". Lo afferma il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, nella lettera-parere inviata al presidente dell''Agenzia italiana del farmaco (Aifa), Sergio Pecorelli, sulla pillola abortiva. "Il Consiglio di amministrazione dell''Aifa - scrive Sacconi - valuti se sia necessario riconsiderare la delibera adottata al fine di garantire modalità certe di somministrazione del farmaco in questione onde evitare ogni possibile contrasto con la legge n.194 del 1978". Il parere del ministro del Welfare è stato richiesto dall''indagine conoscitiva sulla pillola abortiva e sulla compatibilità con la legge 194, condotta dalla Commissione Sanità del Senato. La lettera-parere di Sacconi a Pecorelli comincia appunto ricordando che "la legge 22 maggio 1978, n.194 (norme per la tutela sociale della maternità e sull''interruzione volontaria della gravidanza), stabilisce che l''interruzione volontaria di gravidanza deve essere praticata da un medico del servizio ostetrico ginecologico in ospedale, specificando inoltre quali siano le strutture autorizzate". La necessità del ricovero dall''assunzione del farmaco fino all''espulsione del prodotto del concepimento, della sorveglianza di un medico del servizio ostetrico ginecologico per tutto il percorso abortivo e di un attento monitoraggio per ridurre al minimo le reazioni avverse, ricorda ancora Sacconi, è stata riconosciuta dal Cda dell''Aifa, che "il 30 luglio 2009 ha stabilito che ''l''impiego del farmaco deve trovare applicazione nel rigoroso rispetto dei precetti normativi previsti dalla legge 22 maggio 1978, n.194 a garanzia e tutela della salute della donna".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Organyc e Fondazione Cortina per promuovere la tappa femminile della Coppa del Mondo di sci

Organyc e Fondazione Cortina per promuovere la tappa femminile della Coppa del Mondo di sci


Nonostante l’introduzione della vaccinazione anti-pneumococcica resta ancora bassa la sensibilità dello Streptococcus pneumoniae alle penicilline, ma sono...

A cura di Sabina Mastrangelo

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top