Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Democratici Usa contro Big Pharma


Bloccare gli accordi stretti fra le Big Pharma e le aziende che producono farmaci generici per ritardare o impedire l''ingresso sul mercato di medicinali senza griffe, meno costosi di quelli di marca. E'' l''obiettivo di una lettera firmata da un gruppo di deputati americani e dalla Federal Trade Commission (Ftc), riporta il New York Times. Se approvato e inserito nella riforma sanitaria, il Congressional Budget Office stima che questo divieto potrebbe far risparmiare alle casse pubbliche e ai cittadini quasi due miliardi di dollari nei prossimi 10 anni. Secondo la Ftc, nel 2009 sarebbero stati 19 gli accordi firmati, mentre nel 2004 non se ne registrò nessuno. Si calcola che in media, un''intesa del genere possa tenere un medicinale equivalente lontano dal mercato per 17 mesi in più rispetto al normale. La versione della riforma sanitaria approvata alla Camera includeva già la previsione di un blocco di questa pratica, al contrario di quella del Senato. Un gruppo di nove deputati democratici, guidati da Herb Kohl del Wisconsin, hanno dunque scritto una lettera al leader della maggioranza al Senato, Harry Reid, insistendo sul fatto che nel testo definitivo debba essere inserito tale divieto. Secondo Ims Health, i farmaci generici rappresentano il 22% della spesa farmaceutica statunitense e circa tre quarti delle prescrizioni mediche. Le industrie assicurano che gli accordi stretti con i produttori di generici servono a risolvere legittimamente eventuali lunghi contenziosi legali sui brevetti che proteggono i prodotti griffati. Secondo Kathleen Jaeger, president della Generic Pharmaceutical Association, "non sono altro che intese volte a permettere agli equivalenti di arrivare sul mercato anche prima che il brevetto scada, dando ai consumatori accesso a prodotti meno costosi". Jon Leibowitz, a capo della Ftc, crede invece che molti di questi accordi violino le leggi antitrust: "vengono fatti sulle spalle dei consumatori", assicura "e dal punto di vista della Ftc sono uno dei peggiori abusi nel settore. Vanno banditi".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Bepanthenol Tattoo Crema Solare Protettiva SPF 50+

Bepanthenol Tattoo Crema Solare Protettiva SPF 50+

A cura di Bayer

Un nuovo studio pubblicato su Scientific Reports rileva che un piccolo gruppo di microrganismi potrebbe influenzare la motilità degli spermatozoi.

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top