Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Ue mette in sicurezza sostanze chimiche pericolose


Nuovo, importante passo avanti per la messa in sicurezza delle sostanze chimiche più pericolose per l''uomo e l''ambiente: da oggi le aziende europee non potranno più produrre e importare i prodotti che non siano stati registrati presso l''Agenzia europea per la chimica (Echa) entro il 30 novembre scorso. La scadenza era stata fissata a suo tempo nel quadro dell''applicazione del programma Reach per il controllo delle sostanze chimiche pericolose e riguarda in particolare i prodotti a maggior rischio per effetti cancerogeni, mutamenti genetici, e tossicità sul sistema riproduttivo. Attraverso l''obbligo di registrazione - le domande presentate a Echa sono state 24.675 - le aziende che trattano prodotti chimici sono tenute ad essere a conoscenza dei rischi che corrono e attrezzate per farvi fronte in ogni evenienza. «Nei prossimi anni» ha detto il commissario all''ambiente Janez Potocnik «le conoscenze acquisite grazie a Reach porteranno a ulteriori progressi nella sicurezza, a un minore inquinamento chimico, a scelte più “verdi” da parte di consumatori e imprese e, in generale, a un ambiente più pulito». La scadenza del 30 novembre, ricorda una nota della Commissione Ue, ha riguardato le sostanze chimiche più pericolose e prodotte o importante in quantità più rilevanti. Altre due scadenze, fissate per il 2013 e il 2018, riguarderanno l''obbligo di registrazione dei prodotti o importanti in minor quantità.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

La protezione efficace per vivere il sole - Carovit

La protezione efficace per vivere il sole - Carovit

A cura di Viatris

Come affrontare la carenza dei farmaci e dei dispositivi medici e rafforzare le catene di approvvigionamento. Il rapporto OECD condivide alcuni suggerimenti...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top