Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Dialogo sui farmaci: rivedere meccanismo prezzo di riferimento


Il meccanismo con cui l’Aifa da più di un lustro incentiva il consumo di equivalenti non sembra aver centrato tutti gli obiettivi ed è arrivato il momento di chiedersi seriamente se sia necessario qualche cambiamento. Questa almeno è la riflessione che arriva da Maria Font, vicedirettore della rivista Dialogo sui farmaci ed autrice, assieme a Federica Schievenin, dell’articolo che una decina di giorni fa ha messo in luce ombre e ambiguità delle liste di trasparenza. Farmacista33 l’ha intervistata per chiederle una riflessione sulle evidenze di quello studio.

 

Dottoressa Font, nel vostro articolo scrivete che il 71% della spesa Ssn per farmaci equivalenti è determinata da un quarto circa di confezioni, quelle che hanno prezzo superiore a prezzo di rimborso e quindi costringono il paziente a pagare la differenza. Chi è più colpevole, i medici che tendono a prescrivere i farmaci più cari o i farmacisti che non informano i pazienti dell’alternativa più economica, come invece dovrebbero fare?
Purtroppo i dati non consentono analisi così approfondite. Abbiamo misurato il fenomeno, ma sulle cause si possono solo fare ipotesi tutte da verificare. Come abbiamo anche scritto, non è sbagliato ipotizzare che nei medici ci sia la tendenza a restare sulle specialità di cui hanno maggiore fiducia, da cui una preferenza emotiva per il prodotto di marca piuttosto che per il generico. E’ anche possibile che sia mancata un’adeguata informazione nei confronti del paziente, che non sempre si informa dell’esistenza di alternative equivalenti ma meno care.

 

E i farmacisti?
Anche in questo caso si possono fare solo ipotesi. E’ vero, la legge obbliga i farmacisti a informare il cliente dell’eventuale disponibilità di farmaci più economici, ma i dati non bastano da soli a dimostrare negligenze o resistenze. E poi, non dimentichiamo che i medici da tempo protestano per la sostituzione in farmacia, il che fa supporre invece un convinto impegno dei farmacisti a favore dei generici.

 

In ogni caso, resta il fatto che attualmente il sistema comporta per chi è malato una spesa che per alcuni farmaci è consistente…
Questo è il vero problema. In base ai dati, l’unica conclusione ineccepibile è che il meccanismo del prezzo di riferimento non ha raggiunto tutti i risultati attesi. Il Ssn risparmia ma lo stesso non si può dire per i cittadini; i consumi dei generici rimangono lontani dalle medie di altri paesi e in più non c’è stato l’abbassamento dei prezzi che ci si attendeva, né per gli originator né per gli stessi “off patent”. In media, infatti, i prezzi dei generici puri rimangono più alti che in Europa.

 

Quindi?
Quindi è forse venuto il momento di chiedersi se non siano opportuni alcuni cambiamenti al meccanismo, che non sembra aver centrato tutti gli obiettivi. Per esempio, si potrebbe pensare di escludere dalla rimborsabilità tutti gli equivalenti che hanno prezzo superiore a quello di rimborso. Così non ci sarebbe più differenza a carico degli assistiti.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Il solito biscotto? No grazie - Natruly

Il solito biscotto? No grazie - Natruly

A cura di Natruly

Edra ha progettato il nuovo corso di formazione FAD ‘Integrare l’Intelligenza Artificiale nella scrittura medico-scientifica’ per esplorare il potenziale ...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top