Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Ancora poco diffusi in Italia i biosimilari


I farmaci biotecnologici biosimilari si stanno diffondendo sempre di più in Europa e, a parità di efficacia, qualità e sicurezza, costano anche il 30% in meno rispetto agli originatori. In Italia, però, a tre anni dall’introduzione dei primi farmaci a brevetto scaduto, ancora permangono riserve al loro utilizzo: solo 1 paziente su 1.000 viene curato con epoetina biosimilare (4 su 10 in Germania), e solo 5 su 100 con filgrastim biosimilare: nel Regno Unito è biosimilare il 63% delle prescrizioni dispensate dal Sistema sanitario nazionale, in Germania la percentuale è del 41% e in Francia del 29%. «Se guardiamo i dati di utilizzo in Italia – spiega Sandro Barni, direttore Oncologia medica dell’Azienda ospedaliera Treviglio-Caravaggio – ci rendiamo conto che l’oncologo non ha ancora pienamente accolto l’introduzione dei farmaci biosimilari a oggi in commercio, ossia i fattori di crescita per i globuli bianchi e per i globuli rossi. A questo proposito, non si dimentichi che i biosimilari sono farmaci nuovi sui quali, nel nostro Paese, non esiste ancora un’esperienza clinica diffusa. Questo significa che, se un paziente già in trattamento ha risposto bene alla terapia con un originatore, il medico preferirà continuare a utilizzare quel farmaco, mentre potrà scegliere un biosimilare per i nuovi pazienti. Probabilmente, come successo in Paesi quali Regno Unito e Germania, nel futuro l’utilizzo di tali farmaci si diffonderà sempre di più».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

La nuova gamma Pesoforma Extra Protein

La nuova gamma Pesoforma Extra Protein


Filippo Giordano, dopo 5 anni, lascia Novartis per assumere la responsabilità del Sud Europa di Insmed, con il ruolo di Head of South Europe, Italy, France and ...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top