Login con

Politica e Sanità

17 Novembre 2011

Taglio prezzi, venerdì di fuoco nelle farmacie


Venerdì di fuoco per gran parte delle farmacie italiane a causa dell’entrata in vigore dei nuovi prezzi di riferimento sugli equivalenti. Come si temeva, è toccato ai farmacisti fare da bersaglio alle proteste di quei clienti che hanno dovuto mettere mano al portafoglio per pagare la differenza tra quota rimborsata e prezzo di vendita. Tantissimi, perché a oggi si contano sulle dita i produttori che hanno limato verso il basso i propri listini e si tratta in gran parte di aziende di piccole dimensioni. Ci vorrà invece tempo perché le imprese più importanti comincino a tagliare i prezzi, sempre che decidano di farlo: una nota di Assogenerici ricorda che se in alcuni paesi esteri gli equivalenti hanno prezzi inferiori è perché poggiano su volumi di mercato assai maggiori; in Italia questi volumi non ci sono e quindi le imprese non possono fare miracoli. Se ne ricava che per qualche settimana la dispensazione di un equivalente costringerà i farmacisti a lunghe spiegazioni. Per avere conferma basta un veloce giro tra le regioni. «Venerdì mattina erano arrabbiati in parecchi» racconta Marco Nocentini Mungai, vicepresidente di Federfarma Toscana, titolare a Firenze « non è stato facile spiegare perché da un giorno all’altro c’è da pagare un ticket». «Ovvio che ci fosse rabbia» aggiunge Elisabetta Borachia, presidente di Federfarma Liguria «i giornali dicevano che i prezzi dei generici sarebbero calati e poi scopri che c’è da pagare un ticket, chi non se la prenderebbe?». Per avvertire della novità e sottrarre i titolari da sospetti infondati, Federfarma nazionale aveva distribuito una locandina da appendere in farmacia e lo stesso avevano fatto anche alcune Unioni regionali. Ma non è bastato. «La gente è irritata per quello che di fatto è un ticket occulto» commenta Achille Toschi Gallina, presidente di Federfarma Bologna e titolare nel capoluogo «e a noi crea disagio: viene a cadere il significato stesso del generico, per il quale ci battiamo da tempo». In questa veloce panoramica fanno eccezione solo poche Regioni: in Campania, per esempio, le liste di trasparenza entreranno in vigore il 20 aprile; in Piemonte invece l’amministrazione ha autorizzato l’applicazione fino a oggi della cosiddetta clausola di salvaguardia, che consente al farmacista di dipensare il prodotto reperibile senza ticket a carico del paziente. Ma da domani sarà un’altra musica.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Come proteggere gli occhi rossi

Come proteggere gli occhi rossi


Nel 2023 i ricavi di Labomar, azienda leader in ambito nutraceutico, toccano i 103,6 milioni di euro (+12,8%), mentre l’Ebitda Adjusted si attesta a 19,3 milioni di euro (+16,6%)

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top