Login con

Pharma

27 Gennaio 2023

Insonnia, disponibile nuovo farmaco che agisce su neurotrasmettitore del sonno. Le novità al congresso Sinpf


Nuovo farmaco daridorexant, antagonista dell'orexina (neurotrasmettitore in grado di agire sul sonno), agisce inibendo l'attività dei due principali recettori dell'orexina favorendo l'insorgenza e il mantenimento del sonno. Le novità al congresso SINPF

Il nuovo farmaco daridorexant, antagonista dell'orexina (neurotrasmettitore in grado di agire sul sonno), che agisce inibendo l'attività dei due principali recettori dell'orexina favorendo l'insorgenza e il mantenimento del sonno, è stato oggetto di due studi pubblicati che hanno messo in rilievo la sua importanza terapeutica. Se ne è parlato durante una delle principali sessioni scientifiche del XXIV Congresso Nazionale della Società Italiana di Neuro-Psico-Farmacologia (SINPF), in corso nei due hub di Milano e Venezia. L'uso del farmaco è stato approvato dalla FDA negli Stati Uniti e dall'Ema.

Insonnia: cause, sintomi e diagnosi

Oltre un terzo della popolazione mondiale è colpita da insonnia e/o da disturbi del sonno, il 20% in Italia, in molti casi in forma cronica: sintomi persistenti nell'80% dei casi dopo 1 anno dalla diagnosi e nel 60% dei casi a 5 anni. Condizione che può essere ulteriormente aggravate dalla copresenza di possibili disturbi psichiatrici o psicoemotivi, in prevalenza depressione e ansia. "Si definisce insonnia - spiega Claudio Mencacci, direttore emerito di psichiatria all'ospedale Fatebenefratelli di Milano e co-presidente SINPF - l'insoddisfazione per la quantità o la qualità del sonno, associata alla difficoltà nell'iniziare e mantenere il sonno da almeno 3 mesi. Questo risulta pertanto perturbato da frequenti risvegli o da problemi di riaddormentamento dopo i risvegli, con un conseguente impatto sulle ore diurne: sonnolenza, iperattività e un generale peggioramento della qualità della vita sono le conseguenze più evidenti. L'insonnia in alcuni casi può essere riconosciuta anche come sintomo di alcuni disturbi psichiatrici - continua Mencacci -. In questo caso le cause possono essere riconducibili a diversi fattori: un disallineamento del ritmo sonno-veglia rispetto a un ritmo considerato normale, per via ad esempio di cambiamenti di fusi orari o turni di lavoro o altra causa; uno sfasamento del ritmo biologico, come causa primaria, tipico ad esempio di chi soffre di irregolarità del ritmo sonno-veglia; un ritardo o un anticipo della fase di sonno che inducono rispettivamente un'insonnia iniziale o una sonnolenza serale con un precoce risveglio al mattino; un ritmo sonno-veglia diverso dalle 24 ore con un ritardo di 1-2 ore che si somma di giorno in giorno con inevitabili conseguenze. Non ultimo, i cicli alterati di sonno possono essere dovuti anche a insonnie situazionali, quando ad esempio si tende a risolvere l'insonnia reattiva assecondando i propri orari fisiologici di addormentamento e risveglio mattutino, indipendentemente dagli orari convenzionali".

Regolazione dei cicli sonno-veglia. Target: orexina

In questo ambito, hanno spiegato gli esperti durante il congresso "qualcosa potrà cambiare, grazie alla scoperta di un nuovo antagonista in grado di agire sull'orexina, uno dei principali neurotrasmettitori in grado di agire sul sonno, una vera 'direttrice d'orchestra', bloccando la sua attività sui due recettori più importanti".
Lo confermano due studi pubblicati di recente su Lancet e su Sleep Journal che hanno analizzato l'efficacia di questo farmaco. La nuova molecola appartenente alla classe dei DORA (Dual Orexin Receptor Antagonists) si chiama daridorexant e agisce con un bersaglio diverso da quello dei farmaci tradizionali, come le benzodiazepine e farmaci Z (zolpidem, zopiclone, eszopiclone) che impattano sul sistema del GABA, o di trazodone, mirtazapina, quetiapina, doxepina che "sedano" il paziente attraverso il sistema dell'istamina, fino ai farmaci che agiscono sulla melatonina.
Daridorexant, spiega la Sinpf in una nota, regola i cicli sonno-veglia che sono alterati in chi soffre di disturbi del sonno, permettendo quindi anche maggiori performance nello svolgimento delle funzioni diurne, spesso offuscate dagli effetti dell'insonnia. Quali ulteriori valori aggiunti: un profilo di sicurezza favorevole e la riduzione degli effetti avversi.

"Per tutti questi contesti - prosegue Matteo Balestrieri, Ordinario di Psichiatria all'Università di Udine e co-presidente della Sinpf - oggi disponiamo di terapie ad hoc che grazie, alla diversa pluralità di azione, consentono di modulare e personalizzare la cura, ad esempio confezionando una terapia in funzione della presenza di comorbilità di ansia e depressione, della durata dell'insonnia, scegliendo farmaci che non diano dipendenza nel lungo termine, e dell'età del paziente, usando ad esempio farmaci che non compromettono l'abilità diurna nel paziente anziano. I nuovi farmaci che agiscono antagonizzando l'orexina, di cui oggi grazie all'estensione della prescrivibilità può avvantaggiarsi anche lo psichiatra, consentono di ottenere benefici di efficacia a fronte del contenimento dei costi sociali e assistenziali, spesso elevatissimi, dell'insonnia".

TAG: SOCIETà ITALIANA DI NEUROPSICOFARMACOLOGIA (SINPF), INSONNIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

16/02/2024

Emanuele Monti, Presidente IX Commissione Sostenibilità Sociale, Casa e Salute della Regione Lombardia entra nel Consiglio di amministrazione dell'Agenzia...

A cura di Redazione Farmacista33

15/02/2024

Il ministro della Salute Orazio Schillaci ha firmato il decreto che nomina Giorgio Palù Presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco

A cura di Redazione Farmacista33

12/02/2024

La nota AIFA, a seguito del parere dell’EMA, indica il rischio di PRES e RCVS se si utilizzano medicinali con pseudoefedrina

A cura di Redazione Farmacista33

08/02/2024

La Conferenza Stato-Regioni ha dato il via libera, nella riunione dell'8 febbraio, alla nomina a presidente dell'Agenzia italiana del farmaco, Giorgio Palù, e ha...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Lo spazzolino con il manico riutilizzabile - TePe

Lo spazzolino con il manico riutilizzabile - TePe

A cura di TePe

Un nuovo studio pubblicato su Scientific Reports rileva che un piccolo gruppo di microrganismi potrebbe influenzare la motilità degli spermatozoi.

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top