Login con

Farmacisti

17 Novembre 2021

Tirocinio farmacisti, potenziata la parte pratica. Ecco come cambia e cosa prevede la normativa


Il Ddl sulle lauree abilitanti pone le basi per un adeguamento del corso di studi e una revisione e potenziamento del tirocinio. Ecco le novità

Il Ddl sulle lauree abilitanti, approvato in via definitiva dal Senato a fine ottobre, e non ancora in Gazzetta ufficiale, ha posto le basi per un adeguamento del corso di studi e una revisione e potenziamento del tirocinio pre lauream. Tante sono le novità - che andranno declinate in provvedimenti attuativi -, e le ricadute su farmacisti e farmacie. Vale la pena fare un punto.

Ddl lauree abilitanti: contenuti e step per le novità

Come si ricorderà, a essere interessate dal cosiddetto Ddl sulle lauree abilitanti - approvato in via definitiva dal Senato a fine ottobre e in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale - sono alcune professioni regolamentate, tra cui quella di odontoiatra, farmacista, veterinario e psicologo. Un primo aspetto da rilevare - finalizzato a ridurre i tempi di inserimento nel mercato del lavoro - concerne l'esame conclusivo del corso di studi universitario (classe LM-13 per il settore), che diventa abilitante all'esercizio della professione di farmacista. Proprio per dare corpo a questa novità, fa il punto Fofi in una circolare, "gli esami finali delle classi di laurea in questione, tra cui quelli per il conseguimento della laurea in farmacia e farmacia industriale, devono includere lo svolgimento di una prova pratica valutativa tesa ad accertare le competenze tecnico-professionali acquisite con il tirocinio svolto nell'ambito dei relativi corsi di studi. La commissione giudicatrice dell'esame finale eÌ, a tal fine, integrata da professionisti di comprovata esperienza designati dalle rappresentanze nazionali dell'ordine o del collegio professionale di riferimento". Il Ddl ha previsto, di conseguenza, "l'adeguamento della disciplina delle classi di laurea magistrale e di laurea professionalizzante" citate, che viene comunque demandato "a un decreto del Ministro dell'università e della ricerca, da adottare entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della legge". Una previsione, questa, che "recepisce la richiesta avanzata dalla Federazione - al Ministero e in occasione di audizioni parlamentari" -, della necessitaÌ di "adeguare i curricula universitari alla evoluzione del ruolo della professione nel contesto sanitario e sociale del Paese".

Il tirocinio pratico-valutativo interno ai corsi di studio: ecco come cambia

Ma ad avere importanti ricadute è anche tutto l'apparato che rivede il tirocinio pratico-valutativo interno ai corsi di studio. Nel dettaglio, "il disegno di legge prevede che almeno 30 crediti formativi universitari siano acquisiti" tramite questo strumento. "Le modalità di svolgimento, certificazione e valutazione sono individuate nell'ambito della disciplina delle classi di laurea e dei regolamenti didattici di ateneo dei relativi corsi di studio. La previsione di una valutazione interna al corso di studi del tirocinio pratico valutativo eÌ in linea con quanto osservato dalla Federazione che aveva formalmente rappresentato al Ministero dell'Università e della Ricerca la necessitaÌ di mantenere distinti i momenti dell'esame di laurea e della valutazione delle competenze professionali acquisite con il tirocinio pratico-valutativo", per "assicurare un adeguato livello formativo, che avrebbe rischiato di essere compromesso dal valore prevalentemente formale della seduta di laurea". A ogni modo, "le modalità di svolgimento e di valutazione del tirocinio pratico-valutativo, compresa la determinazione dei crediti formativi (acquisiti con lo svolgimento dello stesso) e della prova pratica valutativa delle competenze professionali acquisite con il tirocinio, nonché la composizione paritetica della commissione giudicatrice sono demandate anche in questo caso a decreto del Miur, adottato di concerto con il Ministro vigilante sull'ordine o sul collegio professionale e sentite le rappresentanze nazionali dell'Ordine. Con decreto rettorale, invece, le università dovranno adeguare i propri regolamenti didattici di ateneo".
In merito al tirocinio va ricordato l'intervento di Luigi D'Ambrosio Lettieri, vicepresidente Fofi e presidente della Fondazione Cannavò, a FarmacistaPiù, che aveva acceso i riflettori sulla necessità di retribuire tale percorso formativo: «La permanenza per circa sei mesi di un giovane laureando, che deve imparare sul campo gli aspetti di natura tecnica, logistica e professionale, richiede dedizione e impegno. Se si vuole che la formazione sia fatta bene e abbia un senso, il farmacista Tutor professionale che opera in farmacia deve essere remunerato, così come avviene per i medici che ospitano in ambulatorio i professionisti in formazione. Per questo, è necessario che da parte pubblica vengano individuate e allocate risorse economiche. È un aspetto che merita di essere considerato e che va fatto presente al Miur».

Decorrenza dell'esame abilitante

Per quanto riguarda la partenza, "la disciplina del carattere abilitante dell'esame finale di laurea in farmacia avrà decorrenza dall'anno accademico successivo a quello in corso alla data di adozione dei decreti rettorali cui eÌ demandato l'adeguamento dei regolamenti didattici di ateneo. Ciò vale anche per i corsi di studio attivati dalle università statali e non statali legalmente riconosciute, comprese le università telematiche, previo accreditamento dei medesimi corsi di studio abilitanti".

Francesca Giani

TAG: FARMACISTI, TIROCINIO, TIROCINIO PROFESSIONALE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

10/04/2024

In alcune università sono previste le prove pratico valutative e le sessioni di laurea per gli studenti di Farmacia e Ctf che abbiano optato per il percorso...

A cura di Francesca Giani

09/04/2024

Federfarma Roma segnala le più frequenti anomalie riscontrate durante le visite ispettive e al contempo sottolinea gli adempimenti da porre in essere per evitare...

A cura di Francesca Giani

08/04/2024

"Le nuove funzioni attribuite al farmacista delineano una professione sempre più al passo con i tempi e vicina alle esigenze delle persone, e per questo ancor più gratificante per i farmacisti...

A cura di Redazione Farmacista33

28/03/2024

Antonello Mirone (Federfarma Servizi), richiama l'attenzione sui costi del lavoro per il settore della distribuzione intermedia alla luce del rinnovo del Ccnl commercio, che riguarda...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

A casa come in palestra, non scivolare sul bagnato

A casa come in palestra, non scivolare sul bagnato

A cura di Viatris

L’aumento della spesa sanitaria nel 2024 è “illusorio”: il rapporto tra spesa sanitaria e prodotto interno lordo che dal 6,4% di quest’anno tornerà al 6,3% nel 2025-26, per scendere al 6,2%...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top