Login con

Farmacisti

03 Gennaio 2023

Contrasto Covid, riunione Ue sugli arrivi dalla Cina


Gli Stati membri dell'Unione Europea si incontreranno questa settimana per discutere una linea comune nei confronti dei viaggiatori provenienti dalla Cina in entrata nell'Ue dopo l'esplosione dei contagi Covid nel paese. Stoccolma, che ha assunto la presidenza di turno dell'Unione dal primo gennaio, ha dichiarato con una nota del governo svedese di aver convocato per questa settimana la riunione del Council's crisis managment (Ipcr): «La Svezia sta cercando di organizzare una risposta comune per tutta la Ue per possibili restrizioni all'ingresso nelle nostre regioni. È importante mettere in atto rapidamente tutte le misure necessarie».

Ecdc: al momento non necessari screening sistematici

Pechino, che ha interrotto improvvisamente la sua politica "zero Covid", sembra aver provocato una esplosione delle infezioni in Cina, spingendo gli Stati membri europei ad una risposta immediata per evitare il diffondersi di nuove varianti Covid nelle regioni europee. Francia, Italia e Spagna, già la scorsa settimana, hanno introdotto test Covid all'arrivo dalla Cina, mentre la Germania sembra stia elaborando un sistema coordinato fra gli aeroporti europei per monitorare possibili nuove varianti.

L'European centre for disease prevention and control, da parte sua, ha affermato che lo screening sistematico dei viaggiatori è attualmente ingiustificato, per il buon livello di immunità delle Regioni europee e la presenza nel nostro continente delle stesse varianti cinesi. Anche la sezione europea dell'International Airports Council, che rappresenta più di 500 aeroporti in 55 Paesi europei, ha dichiarato che l'identificazione di nuove varianti provenienti dalla Cina potrebbe essere attuato con il sequenziamento genomico delle acque reflue aeroportuali, senza per forza dover testare i viaggiatori.

Le autorità sanitarie cinesi fanno invece sapere che ritengono le misure praticate da alcuni Paesi europei discriminatorie e non basate su criteri scientifici. E minacciano ritorsioni.

Cristoforo Zervos

TAG: UNIONE EUROPEA, PREVENZIONE PRIMARIA, COVID-19, TAMPONI RAPIDI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

15/05/2024

A Napoli e provincia le farmacie che acquistano beni per lo sviluppo della Farmacia dei servizi riceveranno un contributo una tantum da parte di Federfarma provinciale

A cura di Redazione Farmacista33

13/05/2024

Le sigle di settore Unaftisp, Mnlf e Culpi non condividono le proposte rilanciate nei giorni scorsi da Assofarm sull’assistente del farmacista e il numero programmato di accesso...

A cura di Redazione Farmacista33

13/05/2024

In otto delle 10 farmacie comunali di Monza sono operativi sistemi robotizzati: velocizzano operazioni di magazzino e rifornimento lavorando soprattutto di notte per riposizionare i prodotti alle...

A cura di Redazione Farmacista33

13/05/2024

È stato siglato un protocollo d’intesa tra la Prefettura di Monza e Brianza e Federfarma, Assofarm e Ordine professionale per l’implementazione di sistemi di video sorveglianza all’avanguardia

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Delicatezza, protezione e rispetto per tutti i tipi di pelle

Delicatezza, protezione e rispetto per tutti i tipi di pelle

A cura di Viatris

Il ministero della Salute si è reso disponibile a intraprendere un confronto con gli stakeholder per valutare la possibilità di apportare modifiche alla normativa esistente, per...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top