Login con

Farmacisti

02 Maggio 2023

Taglio del cuneo fiscale, fringe benefit, contratti a termine: le nuove misure sul lavoro


Il decreto-legge uscito dal Consiglio dei ministri del primo maggio introduce misure urgenti per il mondo del lavoro con una riduzione del cuneo fiscale di quattro punti

Taglio del cuneo fiscale, aumento del tetto per i fringe benefit, interventi sui contratti a termine. Sono queste alcune delle misure emerse dal Consiglio dei ministri del primo maggio, oggetto di alcuni provvedimenti, che vanno nella direzione di sostenere i redditi e contrastare l'inflazione.


Decreto lavoro: potenziato il taglio del cuneo fiscale

Un primo intervento annunciato al termine del Consiglio dei Ministri, e contenuto nel decreto-legge che introduce misure urgenti per l'inclusione sociale e l'accesso al mondo del lavoro, è la ulteriore riduzione del cuneo fiscale di quattro punti nei confronti dei lavoratori dipendenti per i periodi di paga dal primo luglio al 31 dicembre (con esclusione della tredicesima mensilità). Obiettivo è di portare l'esonero parziale sulla quota dei contributi previdenziali, si legge nella nota, dal 2 al 6% per i redditi fino a 35mila euro annui, mentre l'esenzione va al 7% se la retribuzione imponibile non eccede l'importo mensile di 1.923 euro. Tali misure vanno infatti a sommarsi al taglio di tre punti e di due punti che già erano stati disposti con la legge di Bilancio 2022, potenziando gli interventi del precedente Governo Draghi. Secondo le analisi del Corriere economia di oggi per finanziare il nuovo taglio per quest'anno il governo utilizzerà i quasi 3 miliardi e mezzo di euro di scostamento di bilancio emersi con il Def, a cui dovranno essere aggiunte altre risorse, per arrivare al totale di 4 miliardi necessari. Questo stanziamento, si somma ai 4,6 già previsti con la legge di Bilancio, mentre per il 2024 occorrerà eventualmente capire le coperture necessarie.


Fringe benefit: aumenta tetto per lavoratori con figli a carico

Un'altra misura che va nella direzione di contrastare gli effetti dell'inflazione - tornata a crescere ad aprile dell'8,3% su base annua -, e sostenere il potere d'acquisto delle famiglie è la conferma dell'incremento della soglia dei fringe benefit - i premi aziendali esentasse. Attualmente il tetto è fissato a 258,23 euro perché la legge di bilancio non aveva confermato le misure precedenti. Con il nuovo intervento il tetto sale quindi, per il 2023, a 3mila euro, ma solo per i lavoratori con figli a carico, indipendentemente dal reddito. Saranno comprese ancora anche le somme erogate o rimborsate dai datori di lavoro per il pagamento delle utenze domestiche del servizio idrico integrato, dell'energia elettrica e del gas naturale. Lo stanziamento previsto, secondo quanto riferito dal Mef, è di 142 milioni di euro. Si prevede poi, continua la nota, una estensione ai genitori vedovi della maggiorazione dell'assegno unico prevista per i nuclei familiari in cui entrambi i genitori siano occupati.


Contratti a termine ecco come cambiano le causali

Come già era stato annunciato, tra gli interventi anticipati, ci sarà anche la "modifica alla disciplina del contratto di lavoro a termine" introdotta nel 2015 con il cosiddetto Decreto Dignità "per consentirne un uso più flessibile, pur mantenendo fermo il rispetto della direttiva europea sulla prevenzione degli abusi". Variano quindi le causali che possono essere indicate nei contratti di durata tra i 12 e i 24 mesi (comprese le proroghe e i rinnovi). Pertanto, i contratti potranno avere durata superiore ai 12 mesi, senza eccedere i 24 mesi, in determinati situazioni: nei casi previsti dai contratti collettivi - di valenza nazionale o territoriale e aziendale; per esigenze di natura tecnica, organizzativa o produttiva, individuate dalle parti, in caso di mancato esercizio da parte della contrattazione collettiva, e in ogni caso entro il termine del 31 dicembre 2024; per sostituire altri lavoratori. Tra le altre misure, prevista la riforma del Reddito di cittadinanza, sostituito dall'Assegno di inclusione e da uno Strumento di attivazione destinato agli "occupabili" per rimborsare la frequenza ai corsi di formazione o riqualificazione professionale. Dal Consiglio dei Ministri sono uscite poi anche altre misure, destinate al disegno di legge sempre in materia di lavoro "approvato, con procedura d'urgenza".

Francesca Giani

TAG: LAVORO, FARMACISTI, CONSIGLIO DEI MINISTRI, CUNEO FISCALE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/04/2024

Farma Lavoro e Edra presentano un evento per valorizzare il ruolo chiave del farmacista nella società moderna. Appuntamento a Roma il 23 aprile presso l'Auditorium dello Stato maggiore...

A cura di Redazione Farmacista33

16/04/2024

Rinnovate le indicazioni per la contribuzione all’Ente bilaterale prevista dal contratto nazionale delle farmacie private, che è obbligatoria. Anche per quest’anno vengono confermate le...

A cura di Francesca Giani

11/04/2024

Ci sono delle novità emerse dalle ultime riunioni della Commissione nazionale Ecm, che ribadiscono anche le modalità di conteggio dei crediti da spostamento ...

A cura di Francesca Giani

10/04/2024

In alcune università sono previste le prove pratico valutative e le sessioni di laurea per gli studenti di Farmacia e Ctf che abbiano optato per il percorso...

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Vacanze in famiglia allargata - Babygella

Vacanze in famiglia allargata - Babygella

A cura di Viatris

Efpia e le aziende e associazioni che ne fanno parte hanno chiesto al Consiglio Europeo di garantire la resilienza economica dell'Unione europea, la sua competitività globale, la sua leadership...

A cura di Cristoforo Zervos

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top