Login con

Farmacisti

26 Giugno 2023

Farmacisti partita Iva, Enpaf: stanziati 400 mila euro per una tantum a liberi professionisti


Il Consiglio di Amministrazione dell'Enpaf ha deliberato lo stanziamento di 400 mila euro per l'anno 2023 per l'assegnazione di un una tantum ai farmacisti che lavorano con partita Iva


Il Consiglio di Amministrazione dell'Enpaf ha deliberato lo stanziamento di 400 mila euro per l'anno 2023 per l'assegnazione di un una tantum agli iscritti liberi professionisti o con contratto di collaborazione coordinata e continuativa, a partita Iva, categoria "decisamente in crescita rispetto al passato". Lo annuncia una nota dell'Ente nazionale di Previdenza e di Assistenza Farmacisti.

Ecco a chi è destinata l'erogazione del contributo una tantum

L'erogazione del contributo una tantum è destinata in particolare agli iscritti che esercitano attività professionale in regime libero-professionale o con contratto di collaborazione coordinata e continuativa, inclusi i titolari di borsa di studio, ininterrottamente almeno dall'anno 2021 e che abbiano versato la quota contributiva intera nel triennio 2021-2023.

I richiedenti devono essere in regola con il versamento della contribuzione al momento della presentazione della domanda e l'ammontare dello stanziamento verrà diviso per il numero complessivo dei punti ottenuti dai richiedenti, di cui siano state accolte le domande, al fine di individuare il valore economico unitario del contributo che verrà moltiplicato per il punteggio conseguito da ciascun interessato. Lo scopo è quello di utilizzare lo stanziamento in modo integrale.

In aumento i farmacisti che esercitano come lavoratori autonomi con partita IVA

"Ancora una volta Enpaf ha adottato una misura di reale sostegno alla categoria, coinvolgendo i farmacisti che operano in regime libero-professionale", ha dichiarato Emilio Croce, Presidente di Enpaf. "Il dato dei farmacisti che esercitano come lavoratori autonomi con partita IVA è decisamente in crescita rispetto al passato. Dunque ci è sembrato importante coinvolgerli in questa iniziativa di welfare, in quanto figure maggiormente esposte agli andamenti del mercato e ai fenomeni esterni".

Il termine per presentare la domanda di accesso al contributo è fissato al 5 settembre 2023. La regolamentazione dell'iniziativa e la modulistica completa per la presentazione della richiesta sono disponibili sul sito internet dell'Enpaf (www.enpaf.it). Le domande e la documentazione devono essere trasmesse esclusivamente tramite PEC all'indirizzo posta@pec.enpaf.it.

TAG: FARMACISTI, ENPAF, PARTITA IVA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/03/2024

Antonello Mirone (Federfarma Servizi), richiama l'attenzione sui costi del lavoro per il settore della distribuzione intermedia alla luce del rinnovo del Ccnl commercio, che riguarda...

A cura di Redazione Farmacista33

25/03/2024

Gli specializzandi di farmacia ospedaliera hanno manifestato a Roma per chiedere tirocini professionalizzanti retribuiti equiparati a quelli svolti da medici specializzandi ...

A cura di Simona Zazzetta

20/03/2024

Una survey lanciata da Conasfa tra i farmacisti collaboratori monitora le cause alla base dell’abbandono della professione: la retribuzione resta la criticità principale, ma non soddisfano i ...

A cura di Francesca Giani

20/03/2024

Comunicare temi di salute online e sui social è un’attività che si è molto diffusa soprattutto dall’epoca Covid in poi  e...

A cura di Sabina Mastrangelo

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Giornate frenetiche?  Ritrova la giusta carica

Giornate frenetiche? Ritrova la giusta carica

A cura di Viatris

Una nuova revisione sistematica di studi clinici randomizzati evidenzia l'importanza dell'esercizio fisico come componente potenzialmente cruciale nel trattamento della depressione

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top