Login con

Farmacisti

04 Luglio 2023

Farmaci generici, Monitoraggio Aifa: nel 2022 risparmi su acquisti diretti


Monitoraggio dei farmaci non biologici a brevetto scaduto: formazioni farmaci acquistati dalle strutture del SSN


Nel 2022 il risparmio complessivo a livello nazionale stimato per tutti i principi attivi a brevetto scaduto (farmaci equivalenti), non biologici va da un minimo di 102 milioni a un massimo di 326 milioni di euro circa. Lo indica il Monitoraggio dell'Aifa sul periodo gennaio-dicembre 2022 che ieri ha pubblicato i risultati con riferimento al canale degli acquisti diretti su 26 molecole, contenute in specialità medicinali erogate nel canale della distribuzione diretta e convenzionata, che superano una soglia di spesa definita.

Molecole con un'incidenza d'uso superiore al 50% del consumo totale

Aifa ha identificato due categorie di molecole: quelle con un'incidenza d'uso superiore al 50% del consumo totale, e molecole con un'incidenza d'uso inferiore al 50%. Queste ultime sono quelle che hanno perso il brevetto negli ultimi 3-4 anni e di conseguenza presentano una minore riduzione della spesa complessiva (originator+brevetto scaduto) per l'anno 2022 vs. 2021.

Per quanto riguarda le molecole che a livello nazionale hanno un consumo di farmaco a brevetto scaduto superiore al 50% (in termini di DDD consumate), queste mostrano una "importante riduzione della spesa complessiva" (originator+brevetto scaduto) e una "consistente riduzione del costo medio DDD complessivo nel periodo 2016-2022, effetti dovuti ad una importante prevalenza d'uso del farmaco a brevetto scaduto".

In dettaglio a livello nazionale, scrive Aifa, si osserva:
- aripiprazolo nel 2022 ha un'incidenza di uso (DDD) di brevetto scaduto pari al 95,5%, accompagnato da una riduzione della spesa di circa il 17% rispetto all'anno precedente, mentre dal 2016 al 2022 mostra una riduzione del costo medio DDD dell'86%;
- azacitidina, l'incidenza di uso di brevetto scaduto (DDD) è pari all'83,7% con una riduzione della spesa per il 2022 del 37% (rispetto al 2021) e riduzione del prezzo medio DDD, dal 2016 al 2022, del 70%;
- cabazitaxel con quasi il 61% di uso di brevetto scaduto (DDD) mostra una riduzione della spesa per il 2022 di oltre il 47%, rispetto al 2021, a cui si accompagna la riduzione del prezzo medio DDD, dal 2016 al 2022, del 67,5%;
- daptomicina con un'incidenza di uso di brevetto scaduto (DDD) del 98,7% presenta una riduzione della spesa per il 2022 di circa il 27% (rispetto al 2021) dovuta ad una riduzione del prezzo medio DDD, dal 2016 al 2022, dell'88%;
- fulvestrant con il 79,3% di incidenza d'uso di farmaco a brevetto scaduto, mostra una riduzione della spesa nel periodo gennaio-dicembre 2022 del 60% (rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente) e una riduzione del costo medio, dal 2016 al 2022, del 63;
- glatiramer nel 2022 ha un'incidenza di uso di brevetto scaduto (DDD) pari al 56,5% mostra una riduzione della spesa del 36% (rispetto al 2021) mentre il costo medio DDD, dal 2016 al 2022, si riduce del 75%;
- imatinib con quasi l'82% di uso del farmaco a brevetto scaduto presenta una riduzione della spesa del 35% rispetto all'anno precedente, e una riduzione del costo medio DDD dell'84%;
- lenalidomide, che ha perso il brevetto nel mese di giugno 2022, presenta un'incidenza di consumo di brevetto scaduto pari al 61,3%, una riduzione della spesa del 56% rispetto al 2021 e una riduzione del prezzo medio DDD del 70% dal 2016 al 2022;
- metadone con quasi il 100% di uso dell'equivalente mostra, rispetto al 2021, una minima riduzione della spesa (-3,8%) e un prezzo medio DDD che nel periodo 2016-2022 si mantiene stabile;
- micofenolato con quasi il 78% di uso del farmaco a brevetto scaduto è la molecola che fa registrare la minore variazione di spesa nel 2022 (-0,7% rispetto al 2021) con una riduzione del costo medio DDD (2016-2022) del 38%;
- paclitaxel ha un incidenza di consumo di farmaco a brevetto scaduto di quasi l'85%, accompagnata da una riduzione della spesa nel 2022 del 30% rispetto all'anno precedente e una riduzione del prezzo medio DDD del 40%,
- pemetrexed con il 65,3% di uso del farmaco a brevetto scaduto presenta una riduzione della spesa del 71% rispetto al 2021, e una riduzione del costo medio DDD dell'74%;
- piperacillina/tazobactam, sebbene a livello nazionale si utilizzi esclusivamente il farmaco a brevetto scaduto, mostra una minima riduzione della spesa rispetto al 2021 (-1,9%) e un aumento del costo medio per DDD, dal 2016 al 2022, del 47%;
- posaconazolo con l'88% di incidenza d'uso del farmaco a brevetto scaduto mostra una riduzione della spesa del 16% nel 2022, rispetto al 2021, e una riduzione del prezzo medio DDD del 54 dal 2016 al 2022; - risperidone nel 2022, mostra un incidenza d'uso del farmaco a brevetto scaduto del 75,3% accompagnata da riduzione della spesa del 8,6%, rispetto al 2021, e una riduzione del costo medio DDD del 44% dal 2016 al 2022,
- teicoplanina con il 65,9% d'incidenza d'uso del farmaco a brevetto scaduto, riporta per il 2022 una riduzione della spesa del 26% (rispetto al 2021), mentre dal 2016 al 2022 il costo medio DDD si è ridotto del 73%.

TAG: FARMACI GENERICI, AIFA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

08/02/2024

Al via Cancer & Work: Acting Together, l’iniziativa di Sanofi per garantire sostegno ai lavoratori a cui viene diagnosticato un tumore o una malattia...

A cura di Redazione Farmacista33

23/12/2023

L’evoluzione della farmacia a presidio di prossimità sta comportando una serie di cambiamenti in tanti aspetti e, tra questi, vanno annoverate anche le leve...

A cura di Francesca Giani

22/12/2023

Oltre 25.000 visitatori e 550.000 pagine viste al mese per l’importante iniziativa promossa dalla Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. Oltre 86%...

21/12/2023

Ci sono ancora 10 giorni per acquisire crediti per colmare il bisogno formativo 2020-2022. Il ministro Schillaci ricorda le sanzioni e un recente sondaggio...

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Mantenere l’intestino attivo in caso di cambio di dieta

Mantenere l’intestino attivo in caso di cambio di dieta


Nei casi di mal di gola, una delle esigenze dei pazienti è il rapido sollievo dal dolore1. In questo contesto, gli operatori sanitari, incluso il farmacista,...

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top