Login con

Ricerca

09 Aprile 2024

Alzheimer, diagnosi precoce supportata da mobile-Health: test memoria su smartphone

Un nuovo studio, pubblicato su NPJ Digital Medicine, mostra che l’utilizzo di test di memoria tramite smartphone permette di individuare i primi segni della malattia di Alzheimer

di Paolo Levantino - Farmacista clinico


Alzheimer, diagnosi precoce supportata da mobile-Health: test memoria su smartphone

Nel costante sforzo di combattere le malattie neurodegenerative, la ricerca scientifica si è spesso concentrata sulla diagnosi precoce, un elemento cruciale per migliorare le prospettive di trattamento e la gestione. Recentemente, i ricercatori hanno sviluppato un’innovativa tecnologia che consente di rilevare con elevata precisione il "decadimento cognitivo lieve", un possibile precursore della malattia di Alzheimer.

I problemi di memoria rappresentano uno dei sintomi fondamentali associati alla malattia di Alzheimer. La loro gravità e l'evoluzione nel tempo giocano un ruolo cruciale sia nella diagnosi che nella ricerca della patologia stessa.  Attualmente, la valutazione della memoria avviene in ambiente clinico, supervisionata da un medico. I pazienti sottoposti a questi test devono completare compiti standardizzati, sia verbalmente che per iscritto, come ad esempio la ripetizione di parole, nominare spontaneamente quanti più termini possibili su un determinato argomento o disegnare figure geometriche secondo le istruzioni.

Un approccio innovativo nel rivelare problemi di memoria
Emrah Düzel
, neuroscienziata e autore dello studio, nonché imprenditrice nel campo della tecnologia medica, sostiene un approccio innovativo: "Esistono vantaggi significativi nel poter eseguire tali test autonomamente, con la successiva valutazione dei risultati da parte del medico. Questa pratica potrebbe consentire di individuare precocemente i disturbi della memoria clinicamente rilevanti e monitorare più da vicino la progressione della malattia ". I ricercatori hanno così sviluppato una app con la quale è possibile effettuare test di memoria in autonomia. Tali test, che includono attività interattive di ricordo di immagini e riconoscimento di differenze, sono stati validati scientificamente attraverso uno studio che ha incluso 199 soggetti con un’età superiore ai 60 anni.

Risultati promettenti della ricerca scientifica e dell’utilizzo dell’m-health (mobile-health)
Il campione dello studio rifletteva le diverse condizioni cognitive che si verificano in una situazione del mondo reale: comprendeva individui cognitivamente sani, pazienti con deterioramento cognitivo lieve (MCI) e altri con problemi di memoria percepiti soggettivamente ma non misurabili. L'accuratezza diagnostica della piattaforma nel discriminare il deterioramento della memoria da nessun deterioramento è elevata con una sensibilità di 0,82 e una specificità di 0,72. Pertanto, i risultati dimostrano che è possibile integrare la valutazione neuropsicologica della memoria episodica con valutazioni remote e non supervisionate su dispositivi mobili.

Implicazioni dei risultati e prospettive future
In futuro il nuovo approccio sarà testato su gruppi di studio ancora più ampi e si verificherà se può essere utilizzato per un lungo periodo per monitorare la progressione della malattia di Alzheimer.  “Le informazioni su quanto velocemente la memoria diminuisce nel tempo sono fondamentali per medici e pazienti. È importante anche per gli studi clinici poiché i nuovi trattamenti mirano a rallentare il tasso di declino cognitivo. Per far avanzar la ricerca, i dati clinici di un paziente dovranno sempre più essere collegati ai dati del mondo reale attraverso autotest al di fuori della clinica” concludono gli autori.

https://www.nature.com/articles/s41746-024-00999-9 

TAG: DIAGNOSI PRECOCE, MALATTIA DI ALZHEIMER, MEMORIA, TEST

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

14/05/2024

È stata pubblicata in Gazzetta ufficiale la Determinazione Aifa con cui viene aggiornato il prontuario della continuità assistenziale ospedale-territorio (Pht) e che contiene l’elenco dei...

A cura di Francesca Giani

10/05/2024

Il farmacista in virtù del rapporto di fiducia si instaura con le persone, può fungere da ponte per un’assistenza specifica chi soffrono di problemi di salute mentale

A cura di Sabina Mastrangelo

09/05/2024

I Paesi in cui la vaccinazione in farmacia è autorizzata sono in costante crescita e anche in molti dei territori in cui allo stato attuale tale possibilità non è prevista si rilevano pressioni...

A cura di Francesca Giani

09/05/2024

IBSA Italy  lancia la campagna nazionale di sensibilizzazione "Not a Good Moarning?", con il patrocinio di ANMAR ODV - Associazione Nazionale Malati Reumatici: sensibilizzare sui sintomi spesso...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

La nuova scienza della luminosità

La nuova scienza della luminosità

A cura di Pierre Fabre

AstraZeneca ritira il proprio vaccino anti-Covid Vaxzevria in linea con l’indicazione data dall'Agenzia europea del farmaco sui vaccini non più usati e non aggiornati. Ecco le motivazioni

A cura di Simona Zazzetta

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top