Login con

Salute benessere

29 Settembre 2023

Caduta dei capelli, preparazione del liquore anodino di Hoffmann

L'etere etilico assieme all’alcool e talvolta all’acido acetico viene impiegato in una formula tradizionale contro la caduta dei capelli chiamata liquore anodino di Hoffmann

di Luca Guizzon (Farmacista clinico territoriale, esperto di fitoterapia)


Caduta dei capelli, preparazione del liquore anodino di Hoffmann

L'etere etilico è un composto volatile che, assieme all’alcool e talvolta all’acido acetico viene impiegato in una formula tradizionale contro la caduta dei capelli chiamata “liquore anodino di Hoffmann”.

L’utilizzo dell’etere comporta alcune complessità: ecco come gestirle
 La prima sintesi dell’etere etilico ebbe luogo nel 1540 a opera di Valerio Cordo, che chiamò la sostanza «olio dolce di vetriolo, poiché essa era stata originariamente ottenuta tramite distillazione di una miscela di etanolo e acido solforico (quest'ultimo noto come vetriolo all'epoca). Fu ad opera di Paracelso che se ne scoprirono le proprietà medicinali; infatti, è stato usato largamente fino al 1960 come anestetico generale. L’utilizzo dell’etere etilico porta non poche complessità: infatti è un liquido altamente infiammabile ed esplosivo. Quando l'etere etilico viene agitato in condizioni di assoluta secchezza atmosferica può generare elettricità statica tale da infiammarsi. L'etere etilico va incontro a lenta decomposizione, con formazione di perossidi esplosivi e di acetaldeide, favorita dall'esposizione all'aria, alla luce, al calore e all'umidità. Per questo, è bene conservare l'etere in recipienti asciutti ed ermeticamente chiusi, al riparo dalla luce e a temperatura non superiore a 15 °C (secondo FUI) o non superiore a 30 °C (secondo USP).

L’utilizzo di questa sostanza dovrebbe prevedere il ricorso a cappe chimiche o glovebox e/o (come minimo) maschere FP3 con filtro a carboni attivi: per inalazione di una miscela all'1% di etere etilico si ha analgesia; l'inalazione di una miscela al 3% provoca perdita della coscienza. Concentrazioni comprese tra il 3% e il 5% sono quelle utilizzate per ottenere un effetto anestetico generale e corrispondono a livelli plasmatici di 1000-1400 µg/ml. L'inalazione di una miscela al 6-8%, cui corrispondono livelli plasmatici di 1600-1700 µg/ml, porta rapidamente all'arresto respiratorio. Attualmente è impiegato per detergere la cute prima dell'applicazione di cerotti adesivi o per facilitare la rimozione degli stessi dalla cute. Nell'industria farmaceutica l'etere trova impiego come solvente.

Esempio formulativo del liquore anodino di hoffmann
Nel liquore anodino di hoffmann, invece, l’etere etilico trova impiego diluito in parti uguali con alcool per stimolare il bulbo pilifero e rimuovere l’eccesso di sebo (che può rallentare la crescita del capello). Talvolta viene aggiunto acido acetico a concentrazioni del 2-3% a scopo blandamente irritante per migliorare la perfusione capillare.
 Esempio formulativo: 
  • Materiali: precauzioni ad hoc per l’operatore, becher, bilancia, bacchetta di vetro
  • Etere etilico    50ml
  • Alcool             50ml 
  • Acido acetico  2g

 Utilizzando le precauzioni per la salute dell’operatore di cui sopra, si misceli alcool ed etere etilico in parti uguali. Infine si aggiunge acido acetico secondo formula. In caso di inalazione, l’etere etilico può dare ipersecrezione bronchiale , laringospasmo, grave ipotensione e lesioni epatiche renali. L'assorbimento ripetuto di vapori di etere porta ad assuefazione con un quadro clinico (eterismo) simile a quello dell'alcoolismo cronico. Non dovrebbe essere impiegato in presenza di fiamma diretta o di apparecchiature elettriche in grado di produrre scintille.

TAG: CADUTA DEI CAPELLI, GALENICA, BENESSERE, FARMACI, CAPELLI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

10/05/2024

La nistatina è un antimicotico utilizzato per il trattamento delle micosi di cute e mucose (incluse quelle genitali) in caso di mancanza momentanea, si può provvedere all’allestimento della forma...

A cura di Luca Guizzon (Farmacista clinico territoriale, esperto di fitoterapia)

24/04/2024

La temozolomide può essere impiegata assieme ad altri agenti antitumorali, come ad esempio la doxorubicina, per trattare i cani affetti da linfoma recidivante

A cura di Luca Guizzon (Farmacista clinico territoriale, esperto di fitoterapia)

12/04/2024

Il trilostano, è un analogo degli ormoni steroidei che agisce inibendo la steroidogenesi adrenocorticale, viene utilizzato nel trattamento del morbo di Cushing dei cani

A cura di Luca Guizzon (Farmacista clinico territoriale, esperto di fitoterapia)

29/03/2024

La capsaicina si lega ai nocicettori della pelle, provocando, dopo ripetute applicazioni una desensibilizzazione persistente e, quindi, una riduzione della percezione del dolore ...

A cura di Luca Guizzon (Farmacista clinico territoriale, esperto di fitoterapia)

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Farmaè lancia la sua private label

Farmaè lancia la sua private label

A cura di Talea Group

F33 speciale Cosmofarma: Intervista a Alessio Romitelli, Deputy Ceo di Named Group

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top