Login con

Alimentazione

14 Dicembre 2023

Tossinfezioni alimentari. Report zoonosi: in aumento i focolai. Ecco le più diffuse e pericolose

È stato pubblicato il report sulle principali zoonosi nell’Ue in alimenti e mangimi, nonché delle malattie zoonotiche umane e dei casi umani correlati a focolai di tossinfezione alimentare


Tossinfezioni alimentari. Report zoonosi: in aumento i focolai. Ecco le più diffuse e pericolose

È stato pubblicato lo scorso 12 dicembre il report sulle principali zoonosi nell’Ue in alimenti e mangimi, nonché delle malattie zoonotiche umane e dei casi umani correlati a focolai di tossinfezione alimentare. Le zoonosi sono malattie infettive che si trasmettono tra gli animali e l'uomo e sono causate da batteri, virus, funghi e parassiti. L’infezione passa attraverso il contatto diretto con animali infetti, il contatto indiretto con l'ambiente e oggetti o superfici contaminati. Altre fonti comprendono il contatto o il morso di artropodi e il consumo di alimenti, compresa l'acqua, che sono stati a loro volta contaminati.

Il report Efsa-Ecdc: monitoraggio di campilobatteriosi e salmonellosi
Il documento, redatto da EFSA (European Food Safety Authority) e da ECDC (European Centre for Disease Prevention and Control), riporta sia i dati delle zoonosi per le quali è obbligatoria la comunicazione (e cioè quelle causate da Salmonella, Campylobacter e Listeria monocytogenes), sia i dati relativi ad agenti meno comuni e/o emergenti come Yersinia enterocolitica e West Nile virus, a seconda della frequenza con cui si verificano. Inoltre, vengono anche raccolti e resi pubblici i dati sulle tossine batteriche e sulle ammine biologiche come l'istamina. Nel 2022, le due zoonosi più comunemente segnalate nell'uomo sono state le malattie gastrointestinali provocate da Campylobacter e da Salmonella, con un totale di 137.107 e 65.208 casi, rispettivamente. Per la salmonellosi in particolare il numero assoluto di casi è cresciuto di poco più di 5.000, mentre stabili sono rimasti quelli attribuibili a Campilobacter. In generale, il numero assoluto di casi registrati per 100.000 abitanti è lo stesso rispetto a quelli censiti nel 2021: 43.1 e 15.3 rispettivamente per la campilobatteriosi e la salmonellosi.

Focolai di origine alimentare: aumento del 44%
Nel 2022 i 27 Stati membri e il Regno Unito (Irlanda del Nord) hanno segnalato complessivamente 5 763 focolai di tossinfezione alimentare (il 43,9 % in più rispetto al 2021) e 48 605 casi umani (con un aumento del 49,4 % rispetto al 2021). Il numero di decessi (64) osservati nel 2022 è stato fra i più alti mai comunicati all'EFSA dall'UE negli ultimi dieci anni; il principale batterio responsabile è risultato essere L. monocytogenes  - e in misura minore da Salmonella – proveniente da carni, latticini, pesce e verdure. La salmonella, in particolare S. Enteritidis, è rimasta l'agente eziologico più frequentemente segnalato nelle epidemie di origine alimentare, mentre norovirus e altri calicivirus sono stati responsabili del maggior numero di casi umani di epidemia. Secondo i dati forniti dagli Stati membri, Salmonella e uova (o prodotti preparati con uova) è stata la coppia agente/alimento più spesso coinvolta in focolai di origine alimentare.  Sono stati rilevati anche focolai legati a tossine del Clostridium perfringens in carni rosse miste o in prodotti derivati, tra cui carni di cervo (preparazioni a base di carne destinate ad essere consumate cotte). Sono aumentati nel 2022 anche il numero di focolai legati al consumo di «alimenti misti» (compresi diversi tipi di preparazioni alimentari e alimenti trasformati). In particolare, il report ricorda un importante focolaio che ha riguardato una variante monofasica di Salmonella Typhimurium legata a prodotti a base di cioccolato e che ha coinvolto principalmente bambini. Altri due rilevanti focolai sono stati causati da Listeria monocytogenes e Streptococcus equi sottospecie zooepidemicus a causa del consumo, rispettivamente, di carne di pollo e derivati e di formaggio prodotto con latte non pastorizzato.   Vanno ricordati comunque tutti i controlli che vengono eseguiti sugli animali da allevamento e che sono risultati essere la modalità più efficace per ridurre il peso delle malattie nelle persone, sottolinea EFSA. Da molti anni sono attuati programmi nazionali di controllo di Salmonella nelle popolazioni avicole (galline riproduttrici, galline ovaiole, polli da carne, tacchini da riproduzione e da ingrasso) con lo scopo di ridurre la prevalenza dei sierotipi responsabili della grande maggioranza dei casi nell'uomo.  Negli ultimi anni, le tendenze relative alla prevalenza di allevamenti positivi per i sierotipi di Salmonella sono rimaste ragionevolmente stabili nell'UE per queste popolazioni avicole.

Yersiniosi: terza zoonosi segnalata nell'uomo nel 2022
La terza zoonosi segnalata nell'uomo nel 2022 è stata la yersiniosi, causata da Y.enterocolitica (o Y. pseudotuberculosis), che è generalmente associata al consumo di carne di maiale o verdure poco cotte. Seguono nell'elenco in termini di numero di casi segnalati le infezioni da Escherichia coli (STEC) produttrici della tossina Shiga e la listeriosi causata da L.  monocytogenes. Sia Listeria che STEC possono causare malattie di origine alimentare gravi e persino fatali, specialmente nei sottogruppi di popolazione ad alto rischio, come anziani, bambini piccoli e persone immunocompromesse.   Le infezioni da L. monocytogenes e West Nile virus sono state le zoonosi più gravi nel 2022, con le percentuali più elevate sia di ricoveri che di decessi tra i pazienti segnalati.   Proprio rispetto al virus emergente del Nilo occidentale va ricordato che nel 2022 i casi segnalati nell'uomo e di focolai di animali sono aumentati notevolmente, in particolare in alcuni paesi dell'Europa meridionale.  

Per saperne di più:
EFSA (European Food Safety Authority) & ECDC (European Centre for Disease Prevention and Control). (2023). The European Union One Health 2022 Zoonoses Report. EFSA Journal, 21(12), e8442
https://efsa.onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.2903/j.efsa.2023.8442 

https://www.epicentro.iss.it/listeria/ 
 

TAG: ALIMENTI, EUROPEAN CENTRE FOR DISEASE PREVENTION AND CONTROL (ECDC), EUROPEAN FOOD SAFETY AUTHORITY (EFSA), INFEZIONI BATTERICHE, INTOSSICAZIONE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

16/04/2024

Uno studio ha analizzato gli effetti acuti e nel lungo periodo del consumo di biscotti dolcificati con neotamo, stevia rebaudioside M, o saccarosio sulle risposte di appetito ed endocrine in adulti...

A cura di Redazione Farmacista33

08/04/2024

La combinazione di componenti biologicamente attivi del Ginkgo biloba porta ad un miglioramento del recupero cognitivo precoce in pazienti colpiti da ictus...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

04/04/2024

La neofobia alimentare, cioè il rifiuto di cibi nuovi e non conosciuti, non afferisce alla sfera ampia dei disturbi alimentari ma gli studiosi la definiscono...

A cura di Francesca De vecchi - Tecnologa alimentare

27/03/2024

Con l’aggiunta di acido folico al sale alimentare aumenta in modo significativo il livello sierico di folato, suggerendo una nuova strategia efficace nella prevenzione delle...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

La nuova gamma Pesoforma Extra Protein

La nuova gamma Pesoforma Extra Protein


Firmato nuovo accordo quadro per un’offerta dedicata alle parafarmacie italiane gestionale di ultima generazione, tra le sigle sindacali da MNLF, FEDERFARDIS...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top