Login con

Farmaci

12 Gennaio 2024

Preparati galenici dopanti: invio dati entro 31 gennaio. Chiesto intervento per soluzione problemi tecnici

Entro il 31 gennaio i farmacisti devono inviare i dati del 2023 delle preparazioni galeniche con sostanze considerate dopanti. Federfarma segnala malfunzionamento del modulo on line

di Redazione Farmacista33


Preparati galenici dopanti: invio dati entro 31 gennaio. Chiesto intervento per soluzione problemi tecnici

Entro il 31 gennaio 2024 i titolari di farmacia hanno l'obbligo di trasmettere, in modalità elettronica, i dati relativi alle quantità di principi attivi il cui impiego è considerato doping, utilizzati nelle preparazioni galeniche nel corso del 2023, anche se al momento dalle farmacie arrivano segnalazioni di malfunzionamento del modulo on line pubblicato dal Ministero della Salute, dedicato proprio all’invio dei dati. L’invito dalle rappresentanze territoriali di Federfarma è di riprovare nei prossimi giorni, ma a livello nazionale si è provveduto alla segnalazione del malfunzionamento.  

Come trasmettere i dati e compilare il modulo dedicato

La trasmissione dei dati – ricorda il sito del Ministero - deve avvenire esclusivamente da una casella PEC alla casella PEC del Ministero della Salute (ril.doping@postacert.sanita.it) e i questionari trasmessi da caselle differenti non saranno presi in considerazione. Per trasmettere i dati è necessario utilizzare il modulo on line, al momento non disponibile. Gli uffici competenti della Direzione Generale della Prevenzione sanitaria sono al lavoro per risolvere il malfunzionamento.
Sul sito internet del Ministero della Salute è possibile consultare:
 • le istruzioni per la compilazione del modulo (qui)
 • l’elenco contenente i principi attivi inseriti nelle classi di sostanze vietate per doping (qui)
 Le farmacie che non hanno eseguito preparazioni galeniche nel corso del 2023 non dovranno fare alcuna trasmissione.

Le sostanze che non sono soggette a trasmissione

 Si ricorda, poi, che ai sensi dell’ultimo decreto di revisione della lista delle sostanze proibite per doping, DM 3 ottobre 2023, non sono soggetti a trasmissione i dati relativi alle seguenti classi:
 •Salbutamolo per via inalatoria: al massimo 1600 microgrammi nell’arco delle 24 ore, in dosi frazionate senza superare la dose di 600 microgrammi nelle 8 ore, a decorrere da quando viene somministrata la prima dose; Formoterolo per via inalatoria: dose massima erogata 54 microgrammi nell’arco delle 24 ore; Salmeterolo per via inalatoria: dose massima 200 microgrammi nell’arco delle 24 ore. Vilanetrolo per via inalatoria: dose massima 25 microgrammi nell’arco delle 24 ore.
• Quantità di drospirenone e pamabromo; quantità di inibitori dell’anidrasi carbonica per somministrazione topica per uso oftalmico (ad es. dorzolamide, brinzolamide).
• Quantità di felipressina per somministrazione locale in anestesia dentale.
• Quantità di Clonidina (S6); quantità di derivati dell’imidazolina per uso dermatologico, nasale,  oftalmico o otico (ad es. brimonidina, clonazolina, fenoxazolina, indanazolina, nafazolina, oximetazolina, tetrizolina, xilometazolina) e gli stimolanti inclusi nel Programma di Monitoraggio 2023 (Bupropione, caffeina, nicotina, fenilefrina, fenilpropanolamina, pipradrolo e sinefrina).
 •Glucocorticosteroidi (S9): altre vie di somministrazione (inclusa l'inalatoria e la topica: dentale-intracanalare, la dermica, la intra-nasale, l'oftalmologica, l'otica e la perianale) non sono proibite quando usate nelle dosi e nelle indicazioni terapeutiche autorizzate.

Il ministero ricorda anche che:
• Il cannabidiolo non è più considerato sostanza dopante dal 1° gennaio 2018.
• Il BPC-157 è ora proibito come S0, secondo una recente rivalutazione ed aggiunto nella categoria "S0" come esempio.

Continuano a non essere assoggettati all’obbligo di trasmissione i dati relativi a:
• quantità di mannitolo utilizzate per via diversa da quella endovenosa
• quantità dei principi attivi di cui alla classe S9 - Corticosteroidi, utilizzate per le preparazioni per uso topico, comprese quelle per uso cutaneo, oftalmico, auricolare, nasale e orofaringeo.

Conservare i documenti per almeno sei mesi

 Il farmacista, infine, è tenuto a conservare, “in originale o in copia, le ricette o i fogli di lavorazione che giustificano l’allestimento di tutti i preparati contenenti sostanze vietate per doping soggetti a trasmissione dei dati, per sei mesi, a decorrere dal 31 gennaio dell’anno in cui viene effettuata la trasmissione dei dati. Conseguentemente, i farmacisti devono conservare fino al 31 luglio 2024, in originale o in copia, tutte le ricette o i fogli di lavorazione giustificativi delle sostanze utilizzate e vendute nel corso del 2023”.

TAG: FARMACIA, FARMACISTI, FEDERFARMA, GALENICA, DOPING

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

10/05/2024

Il farmacista in virtù del rapporto di fiducia si instaura con le persone, può fungere da ponte per un’assistenza specifica chi soffrono di problemi di salute mentale

A cura di Sabina Mastrangelo

09/05/2024

I Paesi in cui la vaccinazione in farmacia è autorizzata sono in costante crescita e anche in molti dei territori in cui allo stato attuale tale possibilità non è prevista si rilevano pressioni...

A cura di Francesca Giani

09/05/2024

IBSA Italy  lancia la campagna nazionale di sensibilizzazione "Not a Good Moarning?", con il patrocinio di ANMAR ODV - Associazione Nazionale Malati Reumatici: sensibilizzare sui sintomi spesso...

A cura di Redazione Farmacista33

09/05/2024

Nella conferenza stampa del Governo sull’aggiornamento delle attività del Piano nazionale di prevenzione sull'abuso di fentanyl, è stata chiesta prudenza anche nel circuito di approvvigionamento...

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Piedi stanchi e gambe affaticate?

Piedi stanchi e gambe affaticate?

A cura di Tecniwork

Nathalie Moll, direttore generale di EFPIA, ha pubblicato un articolo in cui evidenzia i rischi legati all'attuazione del nuovo Regolamento europeo sull'Health Technology Assessment (HTA)

A cura di Cristoforo Zervos

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top