Login con

Farmaci

09 Novembre 2023

Inalatori esauriti, oltre 30 mila dispositivi raccolti nelle farmacie del Friuli-Venezia Giulia

Oltre 30.000 inalatori respiratori esauriti sono stati raccolti nelle farmacie del Friuli-Venezia Giulia. I primi risultati del progetto pilota “Recupera e Respira”, realizzato da Chiesi Italia e Federfarma

di Redazione Farmacista33


Inalatori esauriti, oltre 30 mila dispositivi raccolti nelle farmacie del Friuli-Venezia Giulia

Grazie a 4 pazienti su 10 che hanno riportato in farmacia inalatori respiratori usati per il trattamento di Asma e Bpco esauriti, evitando che finissero nella raccolta indifferenziata, in oltre 400 farmacie del Friuli-Venezia Giulia sono state recuperati oltre 30.000 producendo la termovalorizzazione del 22,6% di tutti i dispositivi dispensati sul territorio regionale. Si tratta dei primi risultati del progetto pilota “Recupera e Respira”, realizzato da Chiesi Italia e Federfarma in sinergia con la Regione Friuli-Venezia Giulia, iniziato nel settembre del 2022.

Box di raccolta in 400 farmacie
Il progetto intende sensibilizzare all’uso corretto degli inalatori respiratori, esortando le persone con patologie respiratorie a prendersi cura della propria salute e dell’ambiente in cui vivono, non lasciando nella raccolta indifferenziata i loro dispositivi esausti. In linea con queste finalità, il progetto raccoglie gli inalatori utilizzati per il trattamento delle patologie respiratorie, sia spray che polvere, di qualsiasi azienda farmaceutica, che grazie a “Recupera e Respira” si trasformano in un valore per l’ambiente.
Sono stati coinvolti in farmacisti delle oltre 400 farmacie territoriali del Friuli-Venezia Giulia, in cui sono presenti i box di “Recupera e Respira”. In 9 mesi di progetto sono stati raccolti 30.225 inalatori esauriti che altrimenti sarebbero finiti nella raccolta indifferenziata. È stato stimato che 4 persone su 10 hanno riportato in farmacia i loro dispositivi una volta utilizzati, consentendo di smaltirli correttamente in un impianto certificato, ed evitando così il rilascio in atmosfera di residui che favoriscono il riscaldamento globale. Un modello sostenibile che ha prodotto la termovalorizzazione del 22,6% di tutti gli inalatori, spray e polvere, dispensati sul territorio regionale per il trattamento di asma e broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). Il progetto pilota continuerà anche per tutto il 2024

Modificare abitudini nell’utilizzo e nello smaltimento degli inalatori
“Recupera e Respira”, spiega una nota, è il primo progetto pilota nell’Unione Europa co-creato da Chiesi Italia con Federfarma per analizzare la fattibilità di modificare abitudini consolidate, nell’utilizzo e nello smaltimento degli inalatori, e la possibilità di ampliarlo.
“Il progetto rappresenta un esempio concreto di applicazione degli accordi volontari previsti dal Testo Unico Ambientale e promossi dal Ministero dell’ambiente per la sperimentazione di modelli innovativi di gestione dei rifiuti. Si tratta di una sperimentazione che ha portato significativi risultati e che intendiamo replicare anche per altre filiere”, dichiara Laura D’Aprile, Capo Dipartimento Sviluppo Sostenibile del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica.
“Siamo orgogliosi di aver promosso con successo un innovativo e ambizioso progetto come Recupera e Respira”, dichiara Marco Cossolo, Presidente di Federfarma nazionale. “Gli ottimi risultati ottenuti testimoniano l’impegno delle farmacie nel raggiungimento della sostenibilità ambientale. Sicuramente al successo dell’iniziativa ha contribuito il rapporto di fiducia tra cittadino e farmacista che mantiene sempre aperto un canale di comunicazione privilegiato. La consapevolezza dell’interconnessione tra ambiente e salute e la possibilità di attuare ‘semplicemente’ comportamenti virtuosi per la sostenibilità del nostro ecosistema sono fondamentali per un cambiamento nei comportamenti, che auspichiamo porti a migliorare la qualità della vita delle persone e dell’ambiente”.
“Ringrazio i colleghi farmacisti del Friuli-Venezia Giulia per aver sostenuto ampiamente questa iniziativa di grande valore per la sostenibilità ambientale”, afferma Luca Degrassi, Presidente di Federfarma Friuli-Venezia Giulia. “I risultati straordinari raggiunti sono per noi un incentivo a proseguire su questa strada con impegno e responsabilità”.

Raccolta, smaltimento e termovalorizzazione: meno inquinanti dispersi
Il progetto è nato dall’impegno di Chiesi di migliorare la qualità di vita delle persone e la qualità dell’aria, in linea con l’obiettivo di raggiungere Zero Emissioni di CO2 entro il 2035. Il Gruppo Chiesi, con un investimento di 350 milioni di euro, sta sviluppando un inalatore spray (pMDI) a basso impatto ambientale, sostituendo l'attuale propellente idrofluorocarburo (HFA 134a) con un nuovo propellente (HFA-152a) a basso potenziale di riscaldamento globale riducendo le proprie emissioni del 90%. La raccolta degli inalatori all’interno delle farmacie e la loro termovalorizzazione certificata (con temperatura sopra i 1.100°C) permettono di limitare l’effetto della dispersione in atmosfera dei residui di gas propellenti HFA contenuti negli spray5, delle componenti di alluminio e di plastica, generando anche energia elettrica per la rete regionale.
“Siamo davvero orgogliosi di essere stati i precursori di questo processo virtuoso per la raccolta e il corretto smaltimento degli inalatori respiratori. I risultati raggiunti confermano il grande valore del progetto che si basa sul coinvolgimento attivo dei pazienti e su un approccio sistemico della filiera della salute per l’ambiente - commenta Raffaello Innocenti, CEO e Managing Director di Chiesi Italia. - L’iniziativa incarna il nostro essere Società Benefit che punta a generare un impatto positivo sulle persone, sulla società e sull’ambiente. Un obiettivo che trova concretezza anche in progetti come Recupera e Respira, che ci impegniamo a proseguire in Friuli-Venezia Giulia e che auspichiamo possa estendersi su tutto il territorio nazionale. I numeri ci dicono che la strada intrapresa è quella giusta e ci danno l’entusiasmo per tendere verso traguardi sempre più ambiziosi per la tutela del Pianeta e della salute di chi lo abita”.  

Luciano Grottola
, Presidente di Assinde, aggiunge: “Abbiamo messo a disposizione la nostra esperienza nella gestione, anche sotto il profilo ambientale, dei rifiuti farmaceutici, come facciamo da oltre quarant’anni. Il ruolo di Assinde è di garantire una corretta gestione e tracciatura della raccolta dei devices respiratori, dalla presa in carico fino allo smaltimento finale. Dopo aver concluso la fase di ritiro dalle farmacie del Friuli-Venezia Giulia, a settembre 2023 i devices sono stati smaltiti tramite termodistruzione. I risultati dimostrano che un corretto smaltimento non solo permette di eliminare una sostanza potenzialmente nociva, ma garantisce un vantaggio comune, attraverso la produzione di energia elettrica, senza aggravi di costi per la collettività. Auspichiamo che il Progetto venga esteso a tutto il territorio italiano e che sia fonte di ispirazione per tutto il settore farmaceutico.”  

“Come leader nella raccolta, trasporto e smaltimento di rifiuti speciali è stato un onore prendere parte a un progetto come ‘Recupera e Respira’, per il quale abbiamo messo a disposizione il nostro parco mezzi costituito da oltre 1300 veicoli a basso impatto ambientale e il nostro impianto di termovalorizzazione di Spilimbergo, Eco Mistral Srl, specializzato nel recupero energetico di rifiuti speciali, rifiuti liquidi e liquido pastosi a buon potere calorifico (solventi, vernici, etc.)”, spiega Pierpaolo Parodi, Direttore Logistico Gruppo EcoEridania.

Il progetto è patrocinato da FIMMG (Federazione Italiana Medici di Famiglia), SNAMI (Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani) e FOFI (Federazione Ordini Farmacisti Italiani), e si avvale della collaborazione di Assinde e Eco Eridania, società specializzate nella corretta raccolta e smaltimento dei prodotti farmaceutici.  

TAG: FARMACIE, FEDERFARMA, ASMA, BPCO, AMBIENTE, FEDERFARMA FRIULI VENEZIA GIULIA, INALATORI, FARMACI, CHIESI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/06/2024

L'Agenzia europea del farmaco ha avviato una revisione dei medicinali contenenti l’antidolorifico metamizolo a seguito delle preoccupazioni riguardo l’efficacia delle misure attualmente in atto...

A cura di Giulia Vismara

14/06/2024

Sviluppo nuovi antibiotici in Europa: le sfide economiche e la scoperta di  procedure ad alto tasso tecnologico  

A cura di Cristoforo Zervos

14/06/2024

Una indagine dell'Organizzazione mondiale della sanità rivela una differenza di genere nella predisposizione alle infezioni batteriche resistenti. In vista un documento per aumentare la...

A cura di Sabina Mastrangelo

13/06/2024

È rimborsabile avacopan, primo farmaco orale che, in combinazione con rituximab o ciclofosfamide, è in grado di ridurre l'utilizzo di steroidi per spegnere l'infiammazione dei piccoli e medi vasi...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Il trattamento per capelli morbidi come seta

Il trattamento per capelli morbidi come seta

A cura di Bioclin

In Veneto, in poco meno di due settimane sono 470 le farmacie che si sono attivate per offrire i nuovi servizi previsti, a partire da giugno. Ecco i dati aggiornati presentati in occasione del...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top