Login con

Europa

27 Settembre 2023

Filiera, sentenza Corte Ue chiarisce confini tra farmacia e grossista. Necessari ispezioni e controlli

La Corte di Giustizia europea ha chiarito i confini tra farmacia e grossista: un grossista può procurarsi medicinali esclusivamente da un grossista o da un produttore. Distribuzione: ora serve applicazione concreta e controlli sul territorio

di Francesca Giani


Filiera, sentenza Corte Ue chiarisce confini tra farmacia e grossista. Necessari ispezioni e controlli

Il titolare di un’autorizzazione di distribuzione all’ingrosso può procurarsi medicinali esclusivamente da chi è a sua volta titolare di analoga autorizzazione o è produttore. Così è da interpretare, secondo una sentenza della Corte di Giustizia europea, la Direttiva europea, che non prevede, al riguardo, eccezioni. Un passaggio, spiega Antonello Mirone, presidente di Federfarma Servizi, che «fa chiarezza e che ora, per quanto riguarda il nostro Paese, ci auspichiamo trovi applicazione concreta».  

Farmacia e grossista: sentenza della Corte Ue chiarisce ambiti di attività

La sentenza, pubblicata il 21 settembre, ha per oggetto “la domanda di pronuncia pregiudiziale presentata dalla Corte amministrativa federale nell’ambito di una controversia tra una società che gestisce una farmacia in Austria e l’Ufficio federale per la sicurezza nel settore sanitario, che ne aveva revocato, a seguito di ispezione e di successiva indagine, l’autorizzazione a esercitare l’attività di grossista”. La società, che ha presentato ricorso avverso la decisione, secondo quanto emerso nel procedimento, “aveva acquistato, a più riprese, medicinali presso altre farmacie che non disponevano di alcuna autorizzazione di distribuzione all’ingrosso, per rivenderli, successivamente, a grossisti”.
La Direttiva europea, sottolinea la Corte, prevede che “il titolare di un’autorizzazione di distribuzione possa procurarsi i medicinali unicamente da chi è in possesso di analoga autorizzazione o sia esentato dall’obbligo in ragione del possesso di un’autorizzazione di fabbricazione. I termini di tale disposizione escludono quindi qualsiasi possibilità di approvvigionamento presso altre entità, tra cui le persone autorizzate, in forza della normativa nazionale, a fornire medicinali al pubblico”. D’altra parte, “la vendita al dettaglio dei medicinali ha caratteristiche diverse dalla loro distribuzione all’ingrosso. Di conseguenza, il fatto che i farmacisti soddisfino i presupposti cui è subordinata la vendita al dettaglio nei loro rispettivi Stati membri non consente di presumere che essi soddisfino anche i presupposti previsti dalla disciplina armonizzata a livello dell’Unione per quanto riguarda la distribuzione all’ingrosso”. In aggiunta, “il fatto che l’approvvigionamento del titolare di un’autorizzazione di distribuzione all’ingrosso presso una persona che non rientra nell’ambito di applicazione di tale disposizione (articolo 80, primo comma, lettera b), della direttiva 2001/83) verta solo su un quantitativo estremamente ridotto di medicinali è irrilevante, in quanto tale disposizione non prevede alcuna eccezione, neppure per quantitativi minimi”. Infatti “il mancato rispetto dei requisiti minimi per la distribuzione all’ingrosso di un quantitativo ridotto di medicinali può mettere in pericolo la salute di almeno una persona”.
Di conseguenza, la Corte dichiara che quello proposto è l’unico modo in cui la disposizione europea debba essere interpretata. E, d’altra parte, “allorché il senso di una disposizione del diritto dell’Unione risulta senza ambiguità dalla formulazione stessa di quest’ultima, la Corte non può discostarsi da tale interpretazione”.  

Mirone: ora vigileremo che principi trovino concreta applicazione

«Accogliamo con favore» è il commento di Antonello Mirone «la Sentenza della Corte Europea che mette un po’ di chiarezza e ordine. Il nostro auspicio è che possa servire per accendere i riflettori su una serie di pratiche a cui abbiamo assistito nel corso degli anni, che hanno in qualche modo invertito il percorso naturale del farmaco, che deve andare dal produttore al grossista, sino alla farmacia, come punto finale di distribuzione al pubblico».
La sentenza, di fatto, «ha sottolineato che le farmacie che dispensano farmaci al pubblico e le società con autorizzazione all’ingrosso sono entità distinte, soggette a obblighi e disposizioni diverse, e caratterizzate da attività proprie e differenti».
Anche «in presenza di vendite dirette, dal produttore alla farmacia, va evidenziato che i quantitativi debbano essere commisurati al fabbisogno del singolo presidio. In alcun modo, infatti, viene chiarito, può esserci una vendita dalla farmacia a una società con autorizzazione all’ingrosso, o ad altre farmacie, mentre la direzione delle transazioni può andare dalla società autorizzata all’ingrosso verso la farmacia. Si tratta di principi che abbiamo sempre affermato a tutela del sistema e della sanità pubblica, ancora di più in quanto società per vocazione vicine alle farmacie. La nostra speranza ora è che tali principi trovino concreta applicazione in tutte le prassi della filiera e il nostro impegno andrà in questa direzione».     

TAG: FARMACIE, FARMACI, DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DEI FARMACI, GROSSISTI, EUROPA, CORTE EUROPEA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

08/07/2024

Per l’associazione degli Imprenditori Canapa Italia il Decreto Ministeriale che inserisce il cannabidiolo nella tabella Medicinali è un grave ritorno al passato e annuncia un nuovo ricorso e la...

A cura di Redazione Farmacista33

08/07/2024

L’emendamento della Lega al decreto liste d'attesa al vaglio del Senato che chiede di cancellare l'obbligo vaccinale per i minori fino a 16 anni e i minori stranieri non accompagnati ha...

A cura di Simona Zazzetta

08/07/2024

Dal 1° luglio in Umbria è in vigore il buono di richiesta informatizzato che permette di effettuare richieste di farmaci stupefacenti presso i reparti delle strutture ospedaliere,...

A cura di Redazione Farmacista33

08/07/2024

Le farmacie della Calabria che effettuano servizi di telemedicina (ECG, holter pressorio, holter cardiaco e spirometria semplice) possono erogarli dietro presentazione di ricetta rossa SSN 

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Stress da rientro? I consigli per una ripartenza

Stress da rientro? I consigli per una ripartenza


I testi sono entrati in vigore nel territorio nazionale, come facenti parte della Farmacopea ufficiale della Repubblica italiana, dal primo luglio scorso

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top