Login con

Ricerca

04 Marzo 2024

Emicrania: episodi non peggiorati da vaccino anti-Covid-19 e immunità naturale

Il vaccino contro Covid-19 e la sua immunità naturale non scatenano episodi di emicrania. La scoperta spagnola afferma anche che l’aggravamento percepito dai pazienti sarebbe un effetto nocebo

di Sabina Mastrangelo


Emicrania: episodi non peggiorati da vaccino anti-Covid-19 e immunità naturale

L’infezione naturale da Covid-19 o la vaccinazione avrebbero un ruolo trascurabile sul peggioramento dell’emicrania. Eventuali casi, dunque, sarebbero da imputare a un effetto nocebo, visto che in un’elevata percentuale di pazienti ci sarebbe una percezione del peggioramento dell’emicrania. A mostrarlo è un team della Vall d’Hebron Hospital di Barcellona, in Spagna, che ha pubblicato i risultati di uno studio ad hoc sull’European Journal of Neurology.

Sintomi neurologici sono associati all’infezione e alla vaccinazione
I sintomi neurologici, come il mal di testa, sono un effetto avverso comune a seguito dell’infezione da Covid-19 e della vaccinazione. Per questo motivo, le persone che soffrono di emicrania potrebbero essere a rischio maggiore di soffrire di questi sintomi. Dopo l’esposizione all’infezione naturale o a seguito della vaccinazione, i pazienti riferiscono spesso di aver sofferto di prolungati e invalidanti mal di testa.

Nessuna differenza significativa nella frequenza degli episodi di emicrania post vacccino o infezione
Lo studio ha coinvolto 550 persone, di cui il 44,9% ha riportato di aver avuto almeno una volta l’infezione da Covid-19 e l’83,3% ha riferito di essere stato vaccinato. Tra tutti, 61 pazienti hanno riferito di essere andati incontro a un peggioramento dell’emicrania dopo l’infezione naturale e 52 dopo la vaccinazione contro il Covid-19. Tra i fattori di rischio percepiti relativamente al peggioramento dell’emicrania nei due contesti, comunque, vi era la preoccupazione stessa del peggioramento dell’emicrania
Raccogliendo informazioni attraverso un diario elettronico giornaliero, su 136 dei 550 pazienti, di cui il 38,2% era andato incontro a infezione naturale da Covid-19 e il 39,7% si era sottoposto a vaccinazione, il team non ha osservato alcuna differenza significativa nella frequenza degli episodi di mal di testa un mese prima e un mese dopo la vaccinazione o l’infezione. Il mal di testa, però, diventava più intenso in seguito all’infezione o alla vaccinazione, con un temporaneo aumento della nausea, fotofobia e fonofobia.

Le raccomandazioni degli operatori sanitari: temporaneo peggioramento dell’emicrania
Sulla base di questi risultati, gli operatori sanitari potrebbero avvisare le persone che soffrono di emicrania che il vaccino potrebbe influenzare temporaneamente la loro emicrania, con un effetto che, però, non durerà. In questo modo, informando correttamente i pazienti, si potrebbe ridurre il loro rischio di sviluppare un mal di testa psicosomatico. E in ogni caso, la vaccinazione deve essere raccomandata anche ai pazienti con emicrania e altri disturbi legati al mal di testa.

Fonte:
Melgarejo L. et al., Migraine worsening after Covid-19 and Covid-19 vaccination: are we facing a nocebo effect? European Journal of Neurology (2023) – doi: 10.1111/ene.16058




TAG: EMICRANIA, VACCINO ANTI-COVID-19, RICERCA, COVID, VACCINO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

15/04/2024

Agonisti del recettore del GLP-1 (dulaglutide, exenatide, liraglutide, lixisenatide e semaglutide): per il Prac dell'Ema le evidenze a disposizione non supportano la correlazione con pensieri e...

A cura di Redazione Farmacista33

15/04/2024

Una ricerca americana ha analizzato gli effetti degli interventi con antidepressivi, con psicoterapia o con l’approccio combinato dei due trattamenti in pazienti con ansi a e depressione e...

A cura di Sabina Mastrangelo

11/04/2024

L’efficacia dei beta-bloccanti nel trattamento dei pazienti colpiti da infarto del miocardio, considerata uno dei pilastri nella cura di eventi...

A cura di Redazione Farmacista33

11/04/2024

L’Agenzia italiana del farmaco ha approvato glofitamab, primo anticorpo bispecifico a durata fissa per il trattamento del linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o ...

A cura di Giuseppe Tandoi

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Kit da Viaggio

Kit da Viaggio

A cura di Viatris

Il Premio Leonardo International assegnato per la prima volta a un’azienda farmaceutica a capitale estero basata in Italia, Eli Lilly

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top